Saviano denuncia la “dedica a papà” ed è polemica. La Rai: “programma acquistato da un produttore esterno”

Mary Marino

Roberto Saviano denuncia dalla sua pagina di Facebook che in una trasmissione di Rai2 di fine 2010, “Canzoni e Sfide” condotta da Lorena Bianchetti e andata in onda il 29 dicembre, fu ospitata una “dedica musicale” al camorrista Gaetano Marino, cantanta dalla giovane figliola di Gaetano, Mary.

Ma la cosa più inquietante secondo lo scrittore di Gomorra e documentata dai filmati della trasmissione ancora disponibili su Youtube è l’inquadratura dedicata dalle telecamere all’abbraccio che la cantante in erba viene invitata dalla conduttrice Lorena Bianchetti a dare al papà seduto in prima fila alla fine della canzone.

“Mi domando -scrive Saviano- perché questo omaggio? Perché il Politeama di Catanzaro ha tenuto Gaetano Marino come ospite d’onore in prima fila? Perché la Rai ha messo in scena questa celebrazione? Il mondo degli appalti che riguardano lo spettacolo è da sempre infiltrato. Catering, palchi, concerti, teatri. Maurizio Prestieri, boss del Rione Monterosa e ora collaboratore di giustizia, conosce sin nel dettaglio questi meccanismi. Prima o poi si riuscirà a svelare i legami tra mafie, televisioni, musica e spettacolo”, sottolinea Saviano.

Il ruolo della Rai nella trasmissione ‘Canzoni e Sfide’ condotta da Lorena Bianchetti e andata in onda il 29 dicembre del 2010 su Rai2 fu semplicemente quello di trasmettere un programma acquistato da un produttore esterno. Lo sottolinea l’ex direttore di Rai2, Massimo Liofredi.

“Quella trasmissione, andata in onda nel 2010 -sottolinea Liofredi su Quotidiano Net- fu il frutto di una acquisizione di diritti da un produttore esterno di un progetto già andato in onda negli anni precedenti. Quanto ai contenuti del programma se ne occupò ,come da prassi, il produttore esterno responsabile dei contenuti e degli ospiti, oltre ad un delegato di produzione Rai. Ideatore della trasmissione fu il giornalista Fabrizio Cerqua, scomparso alcuni mesi fa. Stimo molto Saviano e condivido tante delle sue battaglie. Resto a disposizione di qualsiasi operazione che vada nel senso della chiarezza e della trasparenza ove consentito dalle norme e dal codice etico della Rai”.

“E’ inconcepibile che in una trasmissione del servizio pubblico, come riferisce Roberto Saviano, sia stata permessa la partecipazione di un noto camorrista”, ha detto il capogruppo dell’Italia dei Valori in commissione di Vigilanza, Pancho Pardi.

“Senza dover chiedere la fedina penale a chi siede nel parterre delle trasmissioni come è stato possibile che la figlia di un camorrista, peraltro minorenne, abbia potuto cantare una canzone dedicata proprio al padre seduto in platea? è assolutamente necessario che la vicenda venga chiarita fin nei minimi particolari. Per questo – conclude Pardi – presenterò un’interrogazione in commissione di Vigilanza”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=HCVeaiEoiHM[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti