Secondo un recente sondaggio il governo Monti gode ancora della fiducia dei cittadini, specie al Nord Italia

Mario Monti

Il banchiere specializzato in manovre piace agli italiani? Noi, lo diciamo subito, ad oggi non andiamo affatto “pazzi” per un bravo economista che sta andando oltre l’ordinaria amministrazione alla quale è stato chiamato e che soprattutto pare abbia scambiato le tasche degli italiani per il “pozzo di San Patrizio”.

Eppure il 58% degli italiani (in primis quelli che, rispetto al Cavaliere, gli riconoscono d’esser un “portatore sano di bunga bunga”) sembrerebbero promuovere il governo Monti. Almeno ciò è quanto emerge da un sondaggio realizzato da Demos per Unipolis, nel corso del quale è stato chiesto agli intervistati di dare un voto da 1 a 10 all’esecutivo. E un’ampia maggioranza ha scelto da 6 in su.

Anche se il gradimento del Consiglio dei ministri è diminuito nel corso del tempo: era pari al 78,6% il 17-18 novembre, subito dopo il suo insediamento, poi è calato al 64,85 tra il 30 novembre e il 5 dicembre, quindi il 16-21 dicembre ha raggiunto il 57,6%. Il governo Monti riscuote i maggiori consensi nel Pd: il 79,9% dei simpatizzanti del partito di Bersani promuove l’esecutivo.

Il governo ottiene consensi anche dalla maggior parte dei sostenitori di Udc (75,4%), Fli (66,5%), Italia dei Valori (62,1%) e Sinistra Ecologia e Libertà (55,5%). Monti è invece bocciato dagli elettori vicini al Pdl (solo il 45,7% dice di apprezzarlo) e alla Lega nord (28,7%). Il paradosso però è che il 56,4% degli intervistati si dice abbastanza (35,5%) o molto d’accordo (20,9%) con le manifestazioni anti-governative. Mentre è contrario alle proteste il 41,3%, che si dice per nulla (17%) o poco d’accordo (24,3%). Ancora più favorevoli al governo Monti i residenti del Nord, un dato che Pdl e Carroccio dovrebbero tenere in seria considerazione.

Come sottolinea Alessandra Ghisleri di Euromedia Research, “il 75% dei cittadini del Nord dà sostegno al governo e vuole che duri fino al 2013, mentre al Sud la percentuale si riduce fino al 60”. La fiducia personale riscossa dal premier al Nord supera il 60% e al Sud è ferma al 50%.

Infine secondo un sondaggio di Radio Padania l’80% degli ascoltatori appoggia Monti. Un dato confermato da Euromedia, che afferma che il 74% degli elettori della Lega nord è favorevole alle liberalizzazioni.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=VPs5ah4eTjU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti