Il “Molleggiato” alla fine ci sarà con monologo libero e niente spot: ma ora si parla del suo cachet astronomico

Gianni Morandi e Adriano Celentano

La querelle Celentano-Sanremo sarebbe vicina alla soluzione. Pare che il “Molleggiato” sia riuscito infatti a trovare con la Rai un accordo sulla libertà dei suoi monologhi sul palco dell’Ariston e che alla fine ci andrà, al Festival di Sanremo. Claudia Mori si limita a dire che «la trattativa procede».

Alla base dell’intesa ci sarebbe il rispetto di alcune condizioni. Per la sua prima performance, ad esempio, Celentano non sarà interrotto da nessuno spot (come successe lo scorso anno con Roberto Benigni). Meno sicuro è per quante sere sarà sul palco («Ma questo non si sa, non lo dice nemmeno a me. Nel contratto abbiamo previsto che siano “varie”: possono essere una, due, tre, quattro…», racconta ancora la Mori). La prima, però, la guarderà in Tv.

Circolano anche indiscrezioni sul compenso accordato. Se nei giorni scorsi si dava per certo un cachet di un milione e duecentomila euro, ora si è scesi a trecentomila a puntata. Con un tetto massimo, però, pare, di 750 mila euro totali. Insomma, la situazione sembra essersi sbloccata dopo che si era quasi arrivati alla rottura.

Claudia Mori aveva infatti scritto sul suo blog: “Siamo venuti a conoscenza che il direttore generale della Rai, la dott.ssa Lorenza Lei, avrebbe comunicato al direttore di RaiUno sig. Mauro Mazza e al signor Gianmarco Mazzi, direttore artistico del festival di Sanremo, che Adriano Celentano sarebbe fuori dal Festival di Sanremo 2012”. Lo stesso Molleggiato avrebbe poi lanciato un appello a Mazzi perché trovasse una soluzione. Soluzione che, a quanto pare, è arrivata.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=v6adcMhaJUw[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti