Le segreterie provinciali di Messina prendono le distanze dal documento: “pericolose fughe in avanti”

scorcio panoramico di Taormina

I responsabili delle segreterie provinciali di Filcams-Cgil e Uiltucs-Uil di Messina intervengono per fare chiarezza sulla querelle sorta in questi giorni per la proposta di un “Patto d’Area” nella zona jonica contro la crisi turistica. Carmelo Garufi (Filcams-Cgil) ed Eliseo Gullotti (Uiltucs-Uil) hanno infatti reso noto ufficialmente, e precisato, di non aver firmato o sottoscritto la nota che il 3 gennaio scorso era stata inviata ai sindaci dell’hinterland jonico.

“Le segreterie provinciali Filcams-Cgil e Uiltucs-Uil di Messina – scrivono Garufi e Gullotti – precisano che nessuna interferenza o sconfessione e’ stata esercitata da ” Palermo” in quanto nessuna condivisione e sottoscrizione al fantomatico “Patto d’area” e’ stata effettuata dalle scriventi. Riteniamo che tutto scaturisca da pericolose fughe in avanti, effettuate da “soggetti” i cui interessi nulla abbiano a che vedere con la reale crisi del settore. Pertanto diffidiamo chiunque a parlare in nome e per conto delle scriventi”.

Il documento in oggetto sarebbe stato, dunque, “un’iniziativa soltanto di Confcommercio e Fisascat Cisl”. Cgil e Uil affermano che erano “ignari” del documento e che sarebbe stato trasmesso “senza che le segreterie messinesi dei due sindacati ne fossero a conoscenza”.

Sulla questione interviene anche il presidente regionale di Uras-Federalberghi, Nico Torrisi.

“Da parte nostra vogliamo semplicemente sottolineare la necessità di un dialogo costruttivo e ribadiamo – spiega Torrisi – la disponibilità più assoluta nell’individuare soluzioni concrete a tutela dei lavoratori e dell’economia turistica del settore jonico messinese, nel rispetto comune dei ruoli di ciascuno e delle regole”. I prossimi giorni potranno, dunque, delineare gli scenari all’orizzonte, laddove al di là di ogni polemica o contesa sarà fondamentale affrontare al più presto la crisi e trovare, appunto, azioni che possano consentire agli operatori economici di affrontare e superare il momento difficile.

© Riproduzione Riservata

Commenti