Coinvolta nell’incidente una navetta, trasportava una ventina di passeggeri: si contano già almeno 17 vittime

il naufragio nello stretto di Hormuz

Diciassette persone sono morte nel naufragio ieri sera di una navetta che effettuava il collegamento tra l’isola iraniana di Hormuz e il grande porto di Bandar Abbas nel sud dell’Iran. Lo ha indicato l’agenzia di stampa ufficiale Irna.

La navetta, che trasportava venti passeggeri, il capitano e un marinaio, si è trovata a corto di carburante dopo aver lasciato l’isola, situata a una decina di chilometri da Bandar Abbas, e si è ribaltata sotto l’effetto di venti violenti che soffiano sulla zona e forti onde, secondo l’agenzia di stampa.

Il maltempo ha ostacolato inoltre i soccorsi, che sono riusciti a salvare cinque persone, ha aggiunto Irna precisando che sedici corpi sono stati trovati e un passeggero è ancora ritenuto disperso.

© Riproduzione Riservata

Commenti