Il Comandante di “Costa Concordia” in fuga dalla nave, la Guardia costiera lo richiama: “ma che fa? Va a casa?”

Francesco Schettino

Una telefonata drammatica e sconcertante che inchioda alle sue responsabilità Francesco Schettino. Il Comandante della “Costa Concordia” è in fuga, la Capitaneria lo richiama alle sue responsabilità.

«Cosa vuole fare, vuole andare a casa?». La domanda con voce alterata è dell’ufficiale della guardia costiera, al telefono con Schettino, già in una chiamata dell’1,46 di sabato mattina.

È una delle chiamate sequestrate dalla Procura, con il comandante che si lascia scappare anche un «abbiamo abbandonato la nave», prima di ritrattare. E quando la Capitaneria dice che ci sono «già dei cadaveri» Schettino a quel punto chiede «Quanti?». E l’ufficiale: «Deve dirmelo lei!».

Quindi alle 00,32 la prima telefonata della Capitaneria al cellulare del comandante (secondo testimoni, già in salvo sulla scogliera).

Ufficiale: «Quante persone sono ancora a bordo?«
Schettino: «Due o trecento»
Cioè sostiene che sarebbero state già evacuate 4 mila persone dopo soli 40′ dall’abbandono nave.
S: «Ora torno sul ponte. Ero andato a poppa per capire cosa stava succedendo».
U: «Rimarrà solo lei?»
S: «Credo di rimanere solo io».
Alle 00,42 una nuova telefonata al comandante.
U: «Quante persone devono ancora essere evacuate?»
S: «Ho chiamato la società e mi dicono che ci sono un centinaio di persone».
In realtà l’evacuazione è ancora nel pieno svolgimento, se non all’inizio.
S: «Io sto coordinando, non possiamo salire più a bordo perché stava appoppando. Abbiamo abbandonato la nave».
U: «Comandante, ha abbandonato la nave?».
S: «No, no, macchè abbandonato la nave».
All’1,46 la telefonata più concitata: l’ufficiale della guardia costiera dà sulla voce del comandante.
U: «Adesso lei va a prua, risale la biscaggina (la scala di corda delle navi, ndr) e coordina l’evacuazione. Ci dice quante persone ci sono ancora: se ci sono bambini, donne, passeggeri e il numero esatto di ciascuna di queste categorie. Vada a bordo. Cosa fa, lascia i soccorsi?»
S: «No, no, sono qua, sto coordinando i soccorsi».
U: «Comandante, è un ordine, ora comando io. Lei ha dichiarato l’abbandono nave, vada a prua, risalga sulla nave e vada a coordinare i soccorsi. Ci sono già dei cadaveri».
S: «Quanti?»
U: «Deve dirmelo lei, cosa vuole fare, vuole andare a casa? Lei ora torna sopra e ci dice cosa si può fare, quante persone ci sono e di cos’hanno bisogno».
S: «Va bene, sto andando».

Secondo la Capitaneria, tuttavia, Fracesco Schettino non risalirà più a bordo e abbandonerà l’isola con un taxi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=RIypXpQ0tOs[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti