Potrebbero essere impiegati nello stretto di Hormuz per trovare oggetti tipo ordigni posizionati sott’acqua

delfini "in guerra" nello stretto di Hormuz?

Chi l’avrebbe mai immaginato: se l’Iran decidesse di chiudere lo Stretto di Hormuz, gli Stati Uniti potrebbero inviare i delfini per garantire il transito di un quinto del petrolio mondiale. Teheran potrebbe infatti minare lo Stretto, “ma noi abbiamo i delfini”, ha detto alla National Public Radio (NPR) l’ammiraglio Usa Tim Keating. “Sono sorprendenti per la loro capacità di individuare gli oggetti sott’acqua”, ha aggiunto. Spetterebbe poi alle forze americane disinnescarle.

“Piazzare delle mine è un atto di guerra, quindi spetterebbe ai nostri leader decidere quale risposta dare”, ha proseguito l’ammiraglio oggi in pensione, che guidò la V Flotta Usa in Barhein in vista della guerra in Iraq. I delfini vennero inviati nel Golfo durante l’invasione irachena, ma Keating non ha voluto precisare se e come vennero usati.

L’Iran non ha mai fatto ricorso alle mine nello Stretto di Hormuz, ma le piazzò nel Golfo Persico durante la guerra con l’Iraq negli anni ’80, danneggiando una nave Usa. Washington rispose attaccando le forze iraniane.

© Riproduzione Riservata

Commenti