Dopo le prime consultazioni a Palazzo dei Giurati, il parere di albergatori, commercianti e imprenditori

da febbraio Ztl e telecamere

Nella settimana appena trascorsa si sono tenute a Palazzo dei Giurati le prime due giornate di consultazioni sul nuovo piano viario.

Al tavolo con l’Amministrazione si sono trovati albergatori, commercianti e imprenditori (ed anche i tassisti).

Ecco le attuali impressioni sulla proposta di rivisitazione della viabilità, che dovrebbe scattare a partire da febbraio e che, in particolare, punta a limitare l’accesso in centro storico ai non residenti.

“Sono soddisfatto – ha affermato l’assessore alla Viabilità, Carmelo Valentino – di quanto avvenuto nell’ambito degli incontri sinora avuti. Voglio anche che sia chiaro un concetto: l’Amministrazione sarà assolutamente risoluta nell’avviare il piano viario. Rimaniamo, però, aperti a tutti i suggerimenti che ci arriveranno dalle forze sociali e siamo disponibile ad effettuare, se necessario, dei correttivi”.

Confermate le indicazioni tecniche della vigilia. Per il momento, ricordiamo, risultano già individuati tre “varchi informatizzati” che sono già dotati di telecamere per rilevare le targhe delle auto, in possesso o meno, di regolare “pass”.

Gli “occhi indiscreti” si trovano in tre siti: Arco dei Cappuccini, incrocio di via Dionisio e rotonda di fronte parcheggio Porta Catania. Altre due telecamere sono state previste nell’area del parcheggio Lumbi ed all’incrocio tra la via Porta Pasquale e la via Guardiola Vecchia.

“Ok al piano con le zone a traffico limitato, purché non si penalizzi l’arrivo degli ospiti della Città del Centauro”, afferma il presidente di Confindustria alberghi, Sebastiano De Luca.

“Sarà necessario – aggiunge De Luca – non creare equivoci e far percepire dunque che il piano – dichiara De Luca – venga realizzato per accogliere meglio i turisti e non per respingerli da Taormina. Saranno propedeutici all’avvio della sperimentazione alcuni accorgimenti. E’ necessaria, ad esempio, una cartellonistica informatizzata che dia informazioni a quanti arrivano in città. Si tratta, in qualche modo, di coccolare l’automobilista che arriva a Taormina e sa come servirsi del sistema viario realizzato. Dovranno essere pensati anche dei check-point dove distribuire pass provvisori a quanti arrivano senza avere prenotato e cercano una stanza libera nelle strutture alberghiere disponibili. Sono anche indispensabili dei pass per gli invitati ad un matrimonio o chi partecipa ad un meeting. Il concetto che deve andare per la maggiore è che chi arriva a Taormina non viene “rinviato al mittente”, ma viene anzi accolto nel migliore dei modi”.

“La prima valutazione da parte nostra è positiva – afferma Italo Mennella, presidente dell’Associazione Albergatori (e per altro anche assessore al Turismo) – e adesso andrà certamente messo in conto che le novità hanno sempre bisogno di tempo per essere comprese e apprezzate. Il piano che ci è stato illustrato prospetta una razionalizzazione della viabilità e potrebbe renderla più agevole. Noi albergatori ci riuniremo in questi giorni per discutere e valutare eventuali richieste di correttivi. Bisognerà far passare il messaggio che continuerà ad essere garantita la dovuta ospitalità ai turisti. Ad oggi vi sono i giusti preupposti per avviare la sperimentazione. Sarà importante fare uno sforzo collettivo nel vedere come andranno le cose, senza critiche o polemiche a priori”.

“In linea di massima – afferma Salvo Fiumara (presidente del CCN – Consorzio Centro Commerciale Naturale di Taormina) – noi siamo favorevoli alla proposta che ci è stata formulata e non vi è dubbio che nella viabilità a Taormina qualcosa vada in effetti rivista. La cosa che, tuttavia, riteniamo fondamentale venga tenuta in considerazione è che il piano va applicato nel periodo della stagione turistica. In inverno, o comunque in bassa stagione, non sussiste quella particolare necessità di limitare i flussi veicolari. Quindi vanno fatte delle valutazioni specifiche da rapportare alle stagioni dell’anno”.

“Abbiamo ascoltato le proposte dell’Amministrazione – dichiara Alessandra Caltabiano, viceopresidente di “Aipt”, Associazione Imprenditori per Taormina – e adesso ci siederemo ad un tavolo con i componenti della nostra associazione per valutare la fattibilità di quanto ci è stato illustrato ed eventualmente dare dei suggerimenti per migliorarlo”.

“A nostro avviso – afferma Maurizio Vinciguerra, presidente di Taocom – il piano dovrà tenere conto che luglio e agosto sono una cosa e gennaio e febbraio un’altra. Qualcosa va sicuramente rivisto nella viabilità a Taormina. Nei prossimi giorni potremo esprimere un giudizio sulla proposta del nuovo piano viario: ora vogliamo valutarne i contenuti”.

© Riproduzione Riservata

Commenti