“Spero che il partito di Casini non faccia mancare il proprio contributo positivo all’azione del governo”

Raffaele Lombardo

“Ho preso atto delle cortesi parole del senatore D’Alia. Non mi facevo nessuna illusione visto che fin dal momento della scelta che hanno fatto il 27 si era capito che non c’entrassero per nulla le ragioni del governo regionale”.

Lo scrive il governatore siciliano Raffaele Lombardo sul suo blog commentando le parole del senatore Gianpiero D’Alia che ha annunciato la decisione dell’Udc di andare all’opposizione del governo regionale.

“Avevamo offerto la possibilità – prosegue Lombardo – di potenziare la loro presenza in giunta già settimane fa, così come non ho ecluso che entrassero in giunta politici, preferibilmente non deputati regionali. Ho anche detto che sul piano delle riforme si guardasse a quanto è successo in questi tempi dalla sanità agli appalti, dalle Asi ai rifiuti, tutti rami dell’amministrazione nei quali si è realizzata un’opera di modernizzazione, di riforma e di moralizzazione che, nonostante gli insulti che ci possono venire strumentalmente fatti, credo non abbia precedenza nella storia della Sicilia”.

“Le ragioni sono altre – osserva il governatore – e se sono altre è inutile stare a parlare e perder tempo. C’è stata una conferma che quelle valutazioni non erano errate. Che questo poi sia legato ad una ricollocazione per le prossimo politiche o regionali, sono discorsi che esulano, non sono stati fatti ieri e certamente emergeranno nei prossimi giorni”.

Il presidente della Regione siciliana ha infine espresso l’auspicio “che questa condizione possa essere superata prima o poi e comunque i fatti dei prossimi giorni si incaricheranno, ammesso che non incidano quelli di oggi e di quanto è capitato a Roma, di fare chiarezza sulla scelta dell’Udc”.

“Mi fa piacere comunque – conclude Lombardo – che l’Udc non farà mancare il proprio contributo ad iniziative positive e sono certo comunque che l’Udc nel suo lavoro e nel suo impegno politico possa riconoscere il buon lavoro che stiamo facendo e ritrovare la via di una collaborazione più forte”.

Ma Lombardo ha parlato anche del Pd: “la storia del referendum del Pd ha dell’incredibile. Mi auguro che nel giro di qualche ora si riesca a fare chiarezza oppure ognuno dovrà assumersi le proprie responsabilità. Non c’è dubbio che il gran lavoro che si è fatto in questi anni e che ha prodotto ottime amministrazioni espressioni di questa alleanza nei vari comuni in cui si è votato l’anno scorso va a farsi benedire a cominciare dal Comune di Palermo. E allora chiaramente ognuno farà le proprie scelte e prenderà la propria strada”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=MkyiLHLwJxQ&feature=player_embedded[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti