Isola del Giglio, scene da Titanic ma sciagura evitata: Costa Concordia su una secca, si inclina e prende acqua

Costa Concordia inclinata su un fianco

Una nave da crociera in avaria, la “Costa Concordia”, partita alle 19 di venerdì da Civitavecchia per un Giro del Mediterraneo e diretta a Savona, è stata costretta a chiedere aiuto ed è rimasta ferma per diverse ore a circa 200 metri dell’Isola del Giglio.

Ai passeggeri sono stati fatti indossare i giubbotti salvagente. Uno scenario da “Titanic”, ma per fortuna con un finale ben diverso da quello della celebre nave affondata la notte del 14 aprile 1912.

Una persona che si trovava a bordo della nave Costa Concordia in avaria al largo dell’isola del Giglio ha riferito, con una telefonata all’Ansa, che i passeggeri sono stati tutti trasferiti sulle scialuppe di salvataggio. Secondo il testimone la nave sarebbe inclinata. Unita’ della Guardia costiera si stanno recando sul posto.

La nave Costa Concordia, secondo quanto appreso, si è incagliata in una secca di Punta Gabbianara, non lontana dall’Isola del Giglio, inclinandosi su un lato

Nel punto in cui si trova la nave sono subito andati a convergere anche altri natanti, tra essi anche il battello che svolge il servizio passeggeri tra la costa e l’Isola del Giglio. Alla capitaneria di porto di Porto Santo Stefano sono state predisposte le attività di coordinamento dei soccorsi che hanno impegnato anche i carabinieri.

A bordo della nave 4200 persone, di cui 3mila passeggeri. Molte le famiglie con bambini.

“La nave sta imbarcando acqua”: hanno fatto sapere i soccorritori, sottolineando però che i passeggeri sono stati prontamente evacuati.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=b_8EFPmSZUs[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti