Gdf ha scoperto una nuova frode digitale che intima il pagamento di 100 € per ripristinare funzionalità del Pc

Gat-Nucleo speciale frodi telematiche

Numerosi utenti italiani in questi giorni stanno rischiando di essere raggirati da una finta operazione online firmata Guardia di Finanza.

In pratica accedendo ad alcune pagine di siti, presumibilmente pornografici, appare una comunicazione popup con tanto di stella della Repubblica e grafiche della Guardia di Finanza.

Sotto lo slogan “insieme per la legalità” si legge che “il ripristino delle normali funzionalità del computer può avvenire dietro il pagamento della somma di 100 euro da versare elettronicamente attraverso operatori finanziari telematici opportunamente suggeriti”.

Ovviamente si tratta di una truffa ben architettata, che ha già messo “nel sacco” più italiani ma non il GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche GdF. In poco tempo infatti è stato individuato il server responsabile del raggiro – situato ad Hanau am Main in Germania – e scattata l’immediata segnalazione dell’illecito alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma. Dopodiché è stata informata anche la BKA, ovvero la Polizia Criminale tedesca, per un intervento immediato in loco.

Le ipotesi di reato sono di sostituzione di persona alla tentata estorsione, truffa e frode informatica. Intanto procede la caccia ai responsabili, e non è da escludere qualche referente italiano.

Il GAT Nucleo Speciale Frodi Telematiche ha sottolineato che gli utenti colpiti dall’attacco non dovranno effettuare alcun pagamento, ma esclusivamente segnalare l’accaduto agli inquirenti spedendo una mail all’indirizzo sos@gat.gdf.it.

In questo modo potranno ricevere le istruzioni tecniche per eventualmente sbloccare il PC e iil modulo per la denuncia da presentare al Comando territoriale della Guardia di Finanza.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Ng7Co_rXvoM[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti