Da un video l’immagine del cadavere della giovane di Somma Vesuviana. Intanto Parolisi rischia l’ergastolo

Melania Rea

L’agghiacciante fermo immagine che state vedendo è tratta da un video esclusivo di “TelePonte”. Come nel caso dell’altrettanto terrificante sequenza su Sarah Scazzi, anche questa è una foto che lascia senza parole e non ha bisogno di nessun commento. Il filo conduttore è lo stesso: una giovane vita spezzata con ferocia disumana da qualcuno.

Proprio in queste ore, sul delitto Rea è arrivato in Procura il faldone con i risultati dei Ris sulle analisi scientifiche ed altri accertamenti. Pagine importanti sia per l’accusa che per la difesa.

Cruciale è il responso sulle sei tracce di Dna maschili e femminili presenti sul corpo di Melania e non appartenenti nè a lei nè al marito Salvatore.

Secondo gli esami condotti dai Carabinieri del Ris di Roma il dna dei capelli trovati sul corpo di Melania è del medico legale giunto subito sulla scena del delitto di Ripe di Civitella.

Mentre il dna trovato sull’anulare del cadavere appartiene all’estetista di Somma Vesuviana e quello trovato sugli slip è di una vicina di casa di Folignano alla quale Melania aveva portato la biancheria da stirare.

Queste prime indiscrezioni confermerebbero quindi l’impianto accusatorio eliminando l’ipotesi di altri sconosciuti sulla scena del crimine.

Ricordiamo che al momento Salvatore Parolisi è l’unico indagato per l’omicidio della moglie. E’ stato arrestato il 19 luglio scorso e trasferito prima nel carcere di Marino del Tronto e dopo (dal 30 luglio) in quello di Castrogno.

E’ imminente la chiusura delle indagini da parte della Procura di Teramo. I pm Greta Aloisi e Davide Rosati aspettavano infatti i risultati dei Ris prima di procedere. Adesso hanno due opzioni: chiedere il giudizio immediato (rispettando i termini di novanta giorni dalla iscrizione della notizia di reato) oppure procedere con il rinvio a giudizio di Salvatore Parolisi.

E agli avvocati del caporalmaggiore toccherà poi decidere la strategia difensiva: giudizio abbreviato oppure dibattimento.

© Riproduzione Riservata

Commenti