“Chi ha portato il caffè corretto?” E’ l’interrogativo di Beppe Grillo sulla morte del fondatore del “San Raffaele”

Don Luigi Verzè

Il sospetto è a dir poco inquietante: “Chi ha portato il caffè corretto a Don Verzè?”. La domanda che avanza evidenti dubbi sulla morte del fondatore del San Raffaele è il contenuto di un editoriale firmato in queste ore da Beppe Grillo.

“E’ morto don Verzè, aveva 91 anni e sembrava in ottima salute come a suo tempo Papa Luciani, per rimanere nell’ambito religioso, o Sindona, per spaziare nell’ambito affaristico clericale – si legge – Lascia il San Raffaele, uno dei simboli del potere terreno di Comunione e Liberazione, e un crack di 1,5 miliardi di euro. Dicono che a ucciderlo sia stato un arresto cardiocircolatorio dovuto allo stress per l’ipotesi di reati di bancarotta e associazione a delinquere. Anche se l’infarto fosse vero, nessun italiano ci crederà mai. La domanda è: “Chi gli ha portato il caffè corretto?'”.

Don Verzé si è spento a seguito, come detto, di una crisi cardiaca sabato mattina nell’ospedale, il San Raffaele a Segrate , che aveva fondato a partire dalla metà degli anni Sessanta. Era nato il 14 marzo 1920 a Illasi, in provincia di Verona. Nel 1947 si era laureato in Lettere classiche e Filosofia con padre Gemelli all’Universitá Cattolica di Milano e nel 1948 è stato ordinato sacerdote.

Proprio nel giorno della morte di Don Verzè si è svolta anche la prima parte dell’asta per aggiudicarsi la proprietà dell’ospedale, a rischio bancarotta. Per il momento è stata presentata un’unica offerta, qualla del gruppo ospedaliero di San Donato, guidato da Giuseppe Rotelli, che ha messo sul piatto 305 milioni di euro.

L’aggravarsi della situazione cardiaca di don Verzè “era tenuta sotto controllo già da un anno”, dice Paolo Klun, direttore della Comunicazione del San Raffaele, ipotizzando che “probabilmente lo stress acuito in queste ultime settimane ha aggravato la situazione”. Lo scandalo del San Raffaele, spiega il portavoce della struttura, “può avere influito su una persona di quell’età e con una situazione di salute non tranquilla”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=TrrLC4baU5g[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti