Era la candidata numero uno a sostituire la Ventura e ha rifiutato la conduzione del reality: ecco perchè

Paola Perego

Quest’estate si è parlato molto di lei e non solo per le sue nozze col suo compagno e agente Lucio Presta. Paola Perego, la conduttrice che dal 13 gennaio sarà al timone del programma in prima serata su Raiuno “Attenti a quei due” , era la candidata numero uno a raccogliere le redini di Simona Ventura a “L’Isola dei Famosi”.

Come sapete il reality di Raidue orfano di SuperSimo, passata lo scorso giugno alla tv satellitare Sky, era da tempo alla ricerca di un nuovo volto e l’ex conduttrice de “La Talpa” sembrava la persona giusta anche per la sua familiarità con il genere televisivo in questione. Tutti i settimanali davano per certa la presenza della moglie del super-manager alla guida della nona edizione de “L’Isola dei Famosi” e invece a condurlo ci sarà il deejay, autore e presentatore Nicola Savino.

I candidati numero uno in realtà erano due, una coppia, Perego-Savino, ma la prima ha bocciato la proposta dei vertici di viale Mazzini senza pensarci due volte.

“La Rai mi ha proposto una co-conduzione, ma ho rifiutato con un “No grazie”” ha spiegato la conduttrice dalle pagine del settimanale “Chi”, “perché credo che in queste trasmissioni sia quasi impossibile raccontare le emozioni dividendo il palcoscenico con un’altra persona”. L’idea della conduzione a due alla Perego non è piaciuta affatto, benché la proposta l’abbia lusingata parecchio. “”L’Isola dei Famosi” resta un marchio fortissimo anche se, inevitabilmente, risentirà dell’assenza di Simona”, ha concluso poi la diva della tv. L’ex modella nata a Monza e cresciuta a Brugherio ha preferito rinunciare al reality targato Raidue piuttosto che dividere la scena con l’ironico Nicola Savino: “Non sono una bulimica di televisione a differenza di altre mie colleghe” ha dichiarato la presentatrice. Una dichiarazione che sa tanto di frecciatina rivolta dritta dritta all’indirizzo della nemica bislacca Barbara D’Urso! Voi che ne pensate?

© Riproduzione Riservata

Commenti