Fu ragazzo di Salò, diede il voto agli italiani all’estero. Aveva seguito Fini nella nascita di Futuro e Libertà

Mirko Tremaglia

È morto, nella sua casa di Bergamo, all’età di 85 anni l’ex ministro Mirko Tremaglia. Nato a Bergamo il 17 novembre del 1926, è stato ministro per gli Italiani all’Estero. Eletto con il Pdl nel 2008 era poi passato a al gruppo di Futuro e Libertà.

Padre della legge per gli italiani all’estero, Tremaglia partecipò alla Repubblica sociale di Salò e fu imprigionato nel ’45 nel campo di concentramento di Coltano in provincia di Pisa. Deputato dal 1972, prima nel Msi, poi in An e nel Pdl. È passato in Fli nel luglio del 2010.

Intanto arrivano i primi messaggi di cordoglio della politica. «La morte di Mirko Tremaglia è un grandissimo dolore», afferma in una nota Alemanno. «Per tutti coloro che hanno vissuto la storia della destra è stato un esempio di amore per l’Italia, di senso istituzionale ed è colui che ha dato voce e dignità a tutti gli italiani nel mondo. Oggi tutti gli italiani, a prescindere dal colore politico, non possono non piangere la sua scomparsa», conclude il sindaco di Roma.

© Riproduzione Riservata

Commenti