Piano di Protezione Civile

E’ stato consegnato al Comune di Taormina il nuovo piano di Protezione Civile. Lo strumento è stato predisposto dal Collegio Geometri di Messina. «Abbiamo concluso un lungo e dettagliato lavoro – spiega Lino Ardito, presidente del Collegio Geometri di Messina – e sono stati anche eseguiti i vari rilievi inerenti fabbricati strategici, con valutazioni specifiche fatte sui luoghi. Adesso organizzeremo il 27 gennaio un convegno alla presenza degli enti territoriali nel quale verranno spiegati i contenuti dell’attività posta in essere. Certamente riteniamo di aver approntato un piano dinamico e funzionale, in linea con le problematiche ambientali e le reali esigenze sia immediate che prospettiche della città di Taormina».

Con i Geometri di Messina hanno collaborato l’Ufficio provinciale Azienda foreste demaniali di Messina (con l’impegno del dirigente Giuseppe Aveni), il Dipartimento regionale della Protezione Civile e Radio Valle Alcantara, il Genio Civile di Messina, ed inoltre l’Università “Federico II” di Napoli. L’equipe è stata sovrintesa dal prof. Franco Ortolani, Ordinario di Geologia all’Ateneo “Federico II” di Napoli. Il Piano di Protezione Civile di Taormina è stato realizzato in sinergia con il Comune di Amalfi. Predisposta una mappatura delle varie zone della “Perla”, con l’esatta classificazione ed il censimento delle aree, tra cui quelle di “ricovero” o le vie di fuga.

I vari slittamenti che sin qui si erano registrati nei tempi di consegna sono stati dovuti ad alcuni imprevisti che hanno dovuto affrontare il Collegio Geometri – ente a suo tempo incaricato dal Comune per questo iter – e l’intero staff che ha lavorato al documento. In particolare erano subentrate nei mesi scorsi alcune modifiche alle normative in materia, che hanno costretto il gruppo di lavoro ad adeguare gli elaborati ed apportare delle varianti conformi al quadro normativo ora vigente.

Dunque, il piano contempla una serie di indicazioni per interventi strategici e finalizzati alla prevenzione dei rischi. Taormina potrà finalmente dotarsi di valutazioni e direttive sul controllo delle aree, in riferimento ai vari fenomeni ambientali, calamità e dissesti idrogeologici che si possono determinare sul territorio.

L’ufficio Protezione Civile e Ambiente del Comune, diretto da Giovanni Coco, inoltrerà adesso gli atti all’Amministrazione; e a quel punto verranno avviati una serie di incontri illustrativi. Oltre alla conferenza che intende convocare il Collegio Geometri per spiegare il Piano (e che potrebbe tenersi al PalaCongressi), la casa municipale ha ipotizzato l’agenda degli incontri programmatici sul tema. Un primo vertice sarà convocato alla presenza delle Forze dell’Ordine, poi un altro con le forze sociali e dunque albergatori, commercianti e imprenditori.

© Riproduzione Riservata

Commenti