L’attaccante brasiliano smentisce le voci che lo danno in partenza per il Santos: “non è vero che torno in Brasile”

Robinho

Robinho giura “amore” al Milan. Il fantasista brasiliano, spettacolare nelle giocate e molto spesso impreciso in zona gol, non vuole andare via.

Il giocatore ha smentito seccamente le voci che lo vorrebbero ad un passo dal ritorno al Santos nell’anno del centenario del club.

Il trequartista rossonero non intende infatti ripetere, a gennaio del 2012, quanto fatto nel gennaio 2010, quando pur di lasciare il Manchester City accettò di giocare in prestito nella sua ex squadra con cui vinse il campionato paulista e la Coppa del Brasile.

“Ma due anni fa la mia situazione era diversa – spiega oggi il talento di São Vicente -: al City ero triste ed insoddisfatto, e avevo bisogno di ritrovare me stesso. Ora è diverso, al Milan ho spazio e mi trovo bene. Quindi è difficile che io possa tornare adesso, anche se amo il Santos e quando si tratta del club del mio cuore sono sempre aperto ad eventuali discorsi sul futuro”.

Gli ex compagni di squadra però non mollano. “Gli faremo una testa così per farlo tornare, lo convinceremo”, ha commentato Ganso, che rimarrà al Santos nel 2012. Ma Robinho per adesso ha in testa solo il Milan.

Il suo primo sostenitore è Zlatan Ibrahimovic, che lo preferisce in campo a Pato. E i tifosi rossoneri, ormai Robinho – pazienza se i suoi gol sbagliati stanno diventando un “cult – lo hanno “eletto” a loro idolo. E come dice Pellegatti: “Tre passi nel delirio”…

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=vEsqy1whcvU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti