L’invenzione proviene dal Giappone e c’è già chi la considera una svolta. Qualche dubbio sulla sicurezza

l'auto con l'airbag esterno

Arriva dall’Oriente la possibile svolta contro gli incidenti stradali. Pensate di aver visto tutto in tema di sicurezza? Forse quest’ultima trovata che viene dal Giappone vi è sfuggita: una vettura dove gli Airbag non si gonfiano verso gli occupanti, ma si trovano direttamente all’esterno!

Per spiegarne meglio il concetto facciamo prima un po’ d’ordine: la vettura chiamata iSAVE-SC1 è un progetto dei ricercatori dell’Università di Hiroshima e si basa sull’idea di creare un’auto con gli Airbag posizionati direttamente sulla parte esterna della carrozzeria, divenendo in pratica parte di essa.

A guardarla bene, infatti, è chiaro che quelli che sembrano dei grossi sacchi posti principalmente davanti e dietro la vettura in realtà non sono altro che Airbag “over-size” già gonfiati che in caso di urto dovrebbero attenuare l’impatto subìto dagli occupanti della vettura.

A questo punto permetteteci di rimanere francamente perplessi sull’utilità di questa invenzione; come molti sanno, l’Airbag è stato inventato per attenuare l’impatto del corpo umano contro le superfici dure delle auto, come volante, parabrezza e plancia e non per proteggere le vetture dall’essere danneggiate.

In caso di urto, sarebbe infatti difficile che la protezione fornita da enormi sacchi pieni d’aria possa essere sufficiente ad evitare per gli occupanti uno scontro contro le parti pericolose della scocca, senza parlare del fatto che il “colpo di frusta” sarebbe comunque inevitabile. In quanto al design meglio non entrare nel merito!

Comunque qualche spunto interessante su questa vettura ci sarebbe e riguarda la sicurezza dei pedoni: questi sarebbero sicuramente beneficiati da uno scontro contro questa specie di “materasso con le ruote”, ed è auspicabile che alcune buone idee sviluppate con la iSAVE-SC1 non cadano nel vuoto.

Curiosi di sapere le caratteristiche tecniche? La creazione dell’Università di Hiroshima (in collaborazione con la Humanix) è mossa da un motore elettrico, ricaricabile con la comune presa di corrente che le permette di arrivare alla velocità massima di 50 Km/h. La produzione in serie dovrebbe iniziare nella primavera 2012, mentre il prezzo di partenza previsto dovrebbe essere di quasi 8 mila Euro… saranno comprese anche le lenzuola?

© Riproduzione Riservata

Commenti