Il Real Madrid cede il brasiliano a gennaio, Berlusconi ci ripensa: le condizioni per il “colpo” stavolta ci sarebbero  

Ricardo Kakà

Nelle ore in cui Adriano Galliani tratta Carlos Tevez si apre un altro fronte a di mercato in casa Milan: e non è una novità in senso assoluto.

Secondo quanto riportato dal quotidiano spagnolo El Confidencial, il Real Madrid è pronto ad ascoltare eventuali offerte per Kakà ad inizio 2012.

Il giocatore, con la definitiva consacrazione di Mesut Ozil (che però non è più intoccabile neppure lui) e il ritorno a disposizione di Sahin, rischia di non rientrare più nelle prime scelte del tecnico Josè Mourinho. Lo Special One ha, inoltre, scoperto il giovane Jose Maria Callejon, al quale vuole dare fiducia e spazio.

E allora la dirigenza spagnola sta considerando l’ipotesi di cedere Ricardo Kakà. L’ex pallone d’oro il campo non lo vede più, se non per qualche spezzone: Chelsea, Milan e PSG sono i tre club che finora si sono interessati al futuro del brasiliano. A differenza della scorsa estate il Real non vuole tirare le trattative per le lunghe e dai 30 milioni che era arrivato a chiedere cinque mesi fa, adesso il prezzo è sceso a molto meno e si è praticamente dimezzato della metà.

Il Real vuole disfarsi di Kakà e Silvio Berlusconi è subito pronto ad andare a riprendersi il brasiliano, nell’ennesima operazione nostalgia: come il Cavaliere insegna sin dai tempi del “tulipano” Gullit ceduto alla Sampdoria e poi ricomprato.

“Tevez non è il mio tipo”: è il messaggio di Berlusconi, che inquieta Galliani. Il “tipo” di Silvio si chiama Ricardo ed è brasiliano.

© Riproduzione Riservata

Commenti