Il colpevole dovrà dare alla famiglia della vittima 150 miliardi di dollari. Lo ha stabilito la corte del Texas

Don Wilburn Collins

Nel 1998, a 13 anni, ha legato ad un albero un amico di 8 anni, lo ha cosparso di liquido infiammabile e gli ha dato fuoco. Il piccolo, rimasto gravemente ustionato, è morto quest’anno per un cancro alla pelle.

Ieri, un tribunale del Texas ha condannato Don Wilburn Collins, il tredicenne, a versare un risarcimento record di 150 miliardi di dollari di danni e interessi alla famiglia di Robbie Middleton, il ragazzo deceduto dopo gravi sofferenze.

La famiglia Middleton sa che probabilmente non riceverà un centesimo del risarcimento stabilito dal tribunale civile, ma l’obiettivo è di sfruttare questa sentenza per convincere il procuratore della contea a indagare Don Wilburn Collins per omicidio.

“La giuria ha trovato un accordo su questa somma record per essere sicura che il messaggio della famiglia sarebbe arrivato a chi di dovere”, ha dichiarato l’avvocato dei Middleton, Craig Sico.

Collins si trova in prigione per altri reati, ma non per la morte di Middleton perché all’epoca dei fatti era minorenne. L’ultimo risarcimento record registrato negli Stati Uniti è stato di 145 miliardi di dollari contro alcuni fabbricanti di tabacco condannati da un tribunale della Florida.

© Riproduzione Riservata

Commenti