Conto alla rovescia di Natale per gli oltre 7 milioni di alunni. Pronto anche il calendario delle festività 2012

la scuola va in vacanza

E’ iniziato il conto alla rovescia per i 7 milioni 830 mila alunni e studenti della scuola italiana, che tra poche ore si tufferanno nell’atteso periodo di vacanze natalizie.

L’ultima campanella del 2011 suonerà giovedì 22 dicembre nella maggior parte dei circa 9.500 istituti d’infanzia, della primaria, della secondaria di primo e secondo grado, in particolare in Calabria, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Trentino e Umbria.

Il giorno dopo, il 23, toccherà a tutti gli altri: in Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Marche, Veneto, Valle d’Aosta e provincia di Bolzano, il primo giorno di vacanza coinciderà quindi con la vigilia di Natale. Tutte le giunte regionali hanno invece deliberato di far tornare i loro alunni e studenti sui banchi di scuola lunedì 9 gennaio, dopo quindi 17 o 18 giorni di vacanza consecutivi.

Più “spezzettato” si prevede il calendario delle festività del 2012. Ad iniziare dalla Pasqua: dal 4 al 10 aprile niente lezioni in Calabria e nella provincia autonoma di Trento; dal 5 al 10 aprile si fermeranno in Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Valle d’Aosta; sempre da giovedì 5 aprile stop per il Veneto, dove però si anticiperà il ritorno sui banchi di un giorno, e l’Abruzzo, dove le lezioni riprenderanno giovedì 12. Il record di giorni di chiusura per la pausa pasquale spetterà all’Umbria, dove gli istituti rimarranno con i banchi vuoti da lunedì 2 a martedì 10 aprile compresi.

Molto gettonata è anche la chiusura delle scuole a ridosso di martedì primo maggio: lunedì 30 aprile non ci saranno lezioni in Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto.

L’anno scolastico terminerà nella gran parte delle regioni – Abruzzo, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Puglia, Sardegna Toscana, Trentino, Umbria, Valle d’Aosta e Veneto – sabato 9 giugno 2012. Qualche giorno di scuola in più è previsto nelle regioni rimanenti: il 12 giugno suonerà l’ultima campanella in Sicilia, il giorno dopo, il 13 giugno, in Piemonte. Gli ultimi a lasciare i banchi, sabato 16 giugno, saranno gli alunni della Basilicata e del Trentino Adige.

Per quanto riguarda gli esami finali, il Miur ha già deciso le date: i circa 600mila alunni di terza media risponderanno ai test Invalsi, uguali per tutti, il 18 giugno 2012; due giorni dopo, il 20 giugno, mezzo milione di maturandi saranno chiamati a svolgere il sempre temuto tema d’italiano, la prima delle tre verifiche scritte.

© Riproduzione Riservata

Commenti