L’opera vale 8,2 miliardi. Intesa raggiunta nella conferenza intergovernativa avviata da Passera

recente proteste al cantiere Tav

Sarà realizzata da una società italo-francese la linea ad Alta velocità ferroviaria, Torino-Lione, del valore complessivo di 8,2 miliardi.

Nel corso della conferenza intergovernativa italo-francese, avviata dal ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Corrado Passera, è stato raggiunto il nuovo accordo che definisce le condizioni di realizzazione e di esercizio della linea.

Questa intesa operativa, si legge in una nota, insieme alle altre tappe gia raggiunte (avvio del cantiere della Maddalena e approvazione della revisione del progetto preliminare dell’opera principale in Italia) consente al nostro Paese di rispondere positivamente alle richieste della Commissione europea e di rispettare il crono programma concordato con Bruxelles.

L’accordo, frutto di una impegnativa negoziazione durata tre anni, affida la direzione strategica e operativa del progetto a una societa italo-francese (definita ‘Promotore pubblico’), il cui consiglio di amministrazione avrà una composizione paritaria tra i due Stati.

La sede della direzione operativa sarà a Torino e il nostro Paese potrà scegliere l’amministratore delegato e il direttore finanziario e amministrativo. La sede legale sarà invece in Francia, a Chambery, e la Francia nominerà il presidente della Commissione dei contratti e il presidente del servizio di controllo. Nel consiglio di amministrazione e nella Commissione intergovernativa sara presente un rappresentante della Commissione europea.

© Riproduzione Riservata

Commenti