In manette Cristiano Doni. Numerose partite alterate dei campionati 2009-2010 e 2010-2011 di serie A e B

Cristiano Doni

Nuova operazione contro il calcioscommesse: gli uomini delle squadre mobili di Cremona, Brescia e Bologna e del Servizio centrale operativo della Polizia hanno eseguito 17 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip di Cremona. Tra gli arrestati ci sono anche giocatori in attività.

L’operazione della polizia costituisce la seconda tranche dell’inchiesta della procura di Cremona ‘Last bet’ che a giugno scorso ha portato in carcere 16 persone tra cui l’ex giocatore della Nazionale, Beppe Signori e altri calciatori come Paoloni, Sommese e Micolucci. I 17 indagati, secondo l’accusa appartenti ad un’organizzazione criminale che truccava gli incontri, devono rispondere a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e frode sportiva.

Ci sono anche incontri del campionato di serie A 2010-2011 tra le partite che sarebbero state alterate dall’organizzazione scoperta dalla polizia. Secondo le indagini si tratta di Brescia-Bari, Brescia-Lecce e Napoli-Sampdoria, su cui sono in corso ulteriori accertamenti.

L’ex capitano dell’Atalanta Cristiano Doni è stato arrestato dalla Polizia nell’ambito dell’inchiesta sul calcio scommesse. Doni, secondo l’accusa, sarebbe coinvolto nella combine di almeno tre incontri dell’Atalanta del campionato di serie B dell’anno scorso. Doni è già stato sospeso per tre anni dalla giustizia sportiva dopo che la prima fase dell’indagine della procura di Cremona, a giugno scorso, aveva portato alla luce un suo coinvolgimento. Secondo l’accusa Doni deve andare in carcere perchè, assieme a Antonio Benfenati (gestore di uno stabilimento di Cervia) e all’ex preparatore atletico del Ravenna, Nicola Santoni, sarebbe coinvolto nella combine di alcune partite del campionato scorso dell’Atalanta.

L’ex capitano dell’Atalanta Cristiano Doni è stato arrestato per il pericolo di inquinamento delle prove. Il calciatore, infatti, da quanto si è saputo, avrebbe pagato parte della parcella dell’avvocato di un altro indagato, Nicola Santoni, per il timore che questi parlasse agli inquirenti. Dalle indagini è emerso inoltre che Doni, in occasione di partite combinate, si avvaleva di una scheda intestata a un romeno ritenuta ‘sicurà da eventuali intercettazioni. Altra circostanza che dimostrerebbe il tentativo di inquinamento delle prove è il fatto che Doni con Santoni avrebbe ipotizzato di alterare i dati dell’Iphone di Santoni, sequestrato nell’estate scorsa nell’ambito dell’inchiesta, cambiando la password con un computer.

Oltre a Doni, sono finiti in carcere perchè coinvolti nella combine delle partite gli ex giocatori Luigi Sartor (Parma, Vicenza, Inter e Roma) e Alessandro Zamperini (serie B, Lega Pro). In manette anche altri due calciatori ancora in attività: Carlo Gervasoni del Piacenza (attualmente sospeso) e Filippo Carobbio dello Spezia.

Il vertice dell’organizzazione a Singapore e le basi operative nell’Europa dell’Est: è la struttura dell’organizzazione transnazionale scoperta dalla polizia nell’ambito dell’indagine sul calcio scommesse, che ha portato all’arresto di 17 persone tra cui alcuni calciatori. Secondo la procura di Cremona, al vertice c’era un certo Eng Tan Seet, detto ‘Dan’, che attraverso una rete di collaboratori a Singapore e nell’Europa dell’est lavorava per alterare incontri nei campionati italiani e in altri paesi. Le puntate relative alle scommesse sulle partite combinate, hanno inoltre accertato gli investigatori, venivano effettuate su siti internet collocati prevalentemente in Asia e ritenuti più sicuri per evitare eventuali controlli sulle giocate.

Sarebbero “diverse” le partite alterate dei campionati 2009-2010 e 2010-2011 di serie B.

I dettagli dell’indagine della polizia sul calcioscommesse che ha portato all’arresto di 17 persone, saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa in programma nella questura di Cremona alle 10.30 All’incontro parteciperanno i magistrati e gli investigatori che hanno condotto l’inchiesta.

La notizia dell’arresto di ristiano Doni ha provocato uno choc tra i tifosi bergamaschi. E le prime reazioni sono comparse sul forum del sito atalantini.com, punto di riferimento del mondo nerazzurro. «Ho le lacrime agli occhi», scrive un tifoso e alcuni scandiscono slogan come “Giù le mani dal capitano” mentre altri invitano l’Atalanta a prendere le distanze dal capitano che era in attesa, come la società, del pronunciamento del Tnas circa una possibile riduzione della squalifica subita. L’Atalanta si allenerà oggi pomeriggio a porte chiuse, per preparare la sfida con il Cesena, in una situazione psicologica pesantissima. Doni, leader indiscusso del gruppo, aveva continuato ad allenarsi ogni giorno con i compagni e anche oggi era atteso al campo.

«Fa molto male all’immagine del calcio. Ho visto i titoli e sono arrivato in ufficio, non conosco gli ultimi fatti». Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, a Radio anch’io lo sport risponde cosi’ alle domande sugli ultimi sviluppi dell’inchiesta sulle scommesse.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ROPWLel33JY[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti