Clamoroso sfogo dopo il suo errore contro la Juventus: “il problema sono io? Sto già pensando di andare via”

Francesco Totti

La dichiarazione è di quelle che non possono passare inosservate. “Se ho mai pensato di cambiare aria? Si, ci ho pensato soprattutto ultimamente. Se le cose continuano in questo verso continuerò ancora a pensarci”.

Francesco Totti ha parlato durante la cena di Natale organizzata dalla Roma al Maxxi, il museo nazionale delle Arti, nel quartiere Flaminio della capitale.

«Se il problema della Roma sono io, ci penseremo. Non parlo né della società, né del mister, né dei compagni. Mi spiace solo sentire alcune dichiarazioni dei tifosi romanisti nei miei confronti», ha proseguito il capitano giallorosso che poi ha parlato anche della stagione della sua Roma: «La squadra è compatta e unita. L’obiettivo è quello di fare bene davanti ai tifosi. Quando i risultati non vengono purtroppo le cose cambiano, ma vogliamo rimanere sempre uniti, sia verso l’allenatore che verso la società. Noi daremo sempre il massimo».

Totti ha parlato del rigore sbagliato contro la Juve: «E’ stato un passo falso: se avessi segnato credo che avremmo vinto e sarebbe cambiato il corso del match. Abbiamo affrontato a viso aperto la squadra più forte del campionato. Mi è dispiaciuto soprattutto per i tifosi e per tutto quello che ho sentito in giro. Io cerco sempre di dare il massimo. Spero di tornare a segnare già domenica prossima, mi sono dimenticato come si esulta. Se ho pensato di fare il cucchiaio a Buffon? Sì, ci ho pensato ma per rispetto nei suoi confronti non l’ho fatto. Magari sarebbe stato meglio farlo…».

«Io sono contro la calma piatta, mi piace quando un giocatore racconta il proprio stato d’animo. Francesco è stato ferito da certe critiche e da uomo spontaneo qual è ha voluto esprimere il suo malessere da uomo ferito. Mi fa quasi piacere questa cosa ma lui non andrà mai via: Totti è la Roma e la Roma è eterna, come lui. Noi siamo contenti che lui resterà con noi per tutta la durata del suo contratto e anche da dirigente in seguito». Con queste parole il ds della Roma Walter Sabatini spegne le polemiche sul malessere di Totti.

«Capitolo De Rossi? Stiamo lavorando in maniera serrata, vogliamo costruire questo contratto e dare a De Rossi il futuro che merita. Lui è un ragazzo pieno di vita interiore e voglia di misurarsi a qualsiasi altitudine ma noi dobbiamo vivere questa situazione con serenità e non in maniera drammatica. Mercato? Non voglio coprire le carte ma non abbiamo ancora fatto una riunione per capire i nostri problemi, quando la faremo decideremo. Questo organico va un minimo adeguato, certamente qualcosa faremo in entrata e in uscita».

Infine su Borriello: «La sua cessione è un’ipotesi plausibile ma non sarà svenduto. Se lui vuole andare via e sarà una strada percorribile, lo faremo con la dignità e il rispetto che merita questo giocatore. Offerte per lui sono già arrivate. Da dove? Dall’Europa, dal nord-ovest…».

© Riproduzione Riservata

Commenti