Il senatore intanto avverte Rita Borsellino: “si convinca che serve alleanza larga. E un sindaco di alto profilo”

Giuseppe Lumia

Le ultime voci lo vogliono candidato a sindaco a Palermo. Beppe Lumia intanto scegli la linea del basso profilo e parla invece della necessità prioritaria di fare chiarezza sulle alleanze.

“A Palermo si può vincere, per questo è necessario un confronto politico serio e costruttivo. Commentare, e per giunta con sarcasmo di dubbio stile, le indiscrezioni dei giornali, invece, è il solo contributo politico che alcuni esponenti siciliani del Pd sanno dare per la Sicilia, magari gli stessi che a Palermo gridano allo scandalo sull’alleanza col Terzo polo e la società organizzata e a Catania lavorano col Pdl pur di coltivare ambizioni personali”: afferma il senatore del Pd, Lumia.

“Sulle prossime comunali a Palermo – aggiunge – rimango dell’idea che bisogna continuare a parlare con Rita Borsellino affinché si convinca della necessità di una coalizione larga tra le forze progressiste e moderate, per vincere le elezioni e risanare una delle città più difficili d’Italia. E’ questa l’alleanza per le amministrative votata a larghissima maggioranza nell’ultima assemblea dal Pd. Diversamente dovremo individuare un’altra personalità di alto profilo in grado di guidare una grande alleanza e governare Palermo con un sapere e una capacità di governo all’altezza della sfida”.

“Credo – conclude – che il Pd debba proporre, insieme a quanti vogliono aprire una nuova e concreta stagione di cambiamento, un progetto di ampio respiro e un candidato rappresentativo, a meno che non si voglia fare carta straccia delle decisioni prese dagli organismi dirigenti, come vorrebbe fare qualche nostalgico: il Pdl sempre al governo e noi sempre all’opposizione”.

© Riproduzione Riservata

Commenti