Al Palacongressi l’assemblea siciliana del partito di Fini. Il coordinatore Carmelo Briguglio verso la riconferma

Gianfranco Fini e Carmelo Briguglio

Si terrà domenica al Palacongressi di Taormina, con inizio alle 10.30, il primo congresso regionale di Fli per l’elezione del coordinatore regionale e del coordinamento siciliano del partito.

I lavori, presieduti dal coordinatore nazionale Roberto Menia, saranno aperti dalla relazione del coordinatore regionale uscente Carmelo Briguglio che ripresenterà la propria candidatura alla guida del partito in Sicilia.

Lo stesso Briguglio è destinato ad ottenere il placet unanime dell’assemblea, alla luce del forte impegno e i risultati importanti subito conseguiti in questi mesi al vertice del partito di Fini in Sicilia: il Fli infatti nell’isola sta crescendo e si sta proponendo con un ruolo di centralità nell’ambito delle componenti politiche che fanno parte del Terzo Polo e nel contesto generale delle varie realtà politiche dell’isola, come nelle altre Regioni.

Il dibattito a Taormina sarà introdotto dal vice coordinatore nazionale Fabio Granata, cui seguirà l’intervento dall’amministratore del partito Nino Lo Presti. Nel corso dei lavori, oltre a Briguglio, interverranno il senatore Nino Strano, i deputati regionali Livio Marrocco (capogruppo all’Ars), Alessandro Aricò, Luigi Gentile, l’on. Pippo Currenti, il vice coordinatore regionale Massimo Grillo e gli assessori regionali Daniele Tranchida e Sebastiano Di Betta. Saranno presenti i nove coordinatori eletti dai congressi provinciali, i dirigenti giovanili, femminili e gli amministratori locali di Fli.

All’assemblea avranno diritto di partecipare tutti gli iscritti. Il congresso, al quale porteranno il loro saluto i leader regionali del Terzo Polo, si chiuderà con l’elezione del coordinatore, del parlamentino regionale di Fli e con le conclusioni di Italo Bocchino, vice presidente nazionale di Futuro e Libertà.

Nell’occasione i finiani ribadiranno anche la loro “battaglia” per “riduzione dei costi della politica e della burocrazia”, rimarcata in queste ore dal presidente della Camera. Proprio Briguglio, unitamente agli altri esponenti di Futuro e Libertà, ha espresso apprezzamento per la presa di posizione immediata di Fini nelle polemiche e nello scontro politico sorto sul possibile “congelamento” nel decreto salva-Italia dei tagli degli stipendi ai parlamentari, ed in tal senso il presidente della Camera è intervenuto (insieme a Renato Schifani), per rassicurare che i tagli ci saranno.

© Riproduzione Riservata

Commenti