I bianconeri pensano ad uno scambio con il Genoa: Quagliarella sotto la Lanterna e l’argentino da Conte

Rodrigo Palacio

Per mantenere il primato adesso serve almeno un colpo. Mentre il Milan prova a prendere Tevez, la Juventus continua a scandagliare il mercato con un occhio rivolto sia a quanto succede in ingresso nonché a quello che potrebbe accadere in uscita.

Sono tanti i giocatori in partenza da corso Galileo Ferraris nel mercato di riparazione. Oltre ad Amauri, Iaquinta e Toni, nelle ultime ore starebbe maturando sempre più l’idea di una partenza anche di Fabio Quagliarella.

L’attaccante ex Napoli continua ad essere utilizzato con il contagocce da mister Antonio Conte, che preferisce giustamente utilizzato il “proprio gruppo” lasciando in panchina gli altri giocatori. L’attaccante campano rimane tranquillo al suo posto ma nel contempo sa che non scendendo mai in campo potrebbe perdere il treno per gli Europei del 2012, che si disputeranno il prossimo giugno in Polonia e Ucraina.

Molte le società a lui interessate e proprio per questa ragione la Vecchia Signora starebbe seriamente pensando di cedere il proprio attaccante visto che, insieme a Milos Krasic, dalla sua partenza si potrebbero ottenere più che bruscolini. L’idea delle ultime ore è quella di provare ad intavolare uno scambio con il Genoa per avere il nazionale argentino Rodrigo Palacio.

Il presidente rossoblu, Enrico Preziosi, ha più volte manifestato la volontà di far firmare un contratto proprio a Quagliarella e la Juventus vorrebbe cogliere la palla al balzo chiedendo in cambio l’ex Boca Juniors. Palacio è reduce da un’ottima stagione con la casacca rossoblu e alla Juventus sarebbe utilissimo sia perché in grado di giocare su ambo gli esterni, sia perché capace anche di fare la seconda punta.

L’albiceleste potrebbe quindi andare a sostituire Simone Pepe, comunque reduce da uno straordinario momento di forma, o far godere a Conte di un’alternativa in più per il proprio gioco anche in previsione 2012-2013.

La Vecchia Signora spera di tornare a conquistare la Champions League che da quest’anno significa minimo terzo posto in classifica e nel contempo non vuole farsi trovare impreparata per il grande appuntamento. Servirà quindi una campagna acquisti fatta di campioni di prima fascia e di giocatori di qualità in modo da regalare ad Antonio Conte valide alternative in vista dei moltissimi impegni previsti.

© Riproduzione Riservata

Commenti