Dopo il pesante ko contro l’Udinese addio scudetto e il patron ha già incontrato l’ex tecnico di Milan e Chelsea

Carlo Ancelotti

Clamorosa svolta in arrivo all’Inter. Dopo la brutta sconfitta in casa contro l’Udinese, il patron nerazzurro Massimo Moratti ha avuto un colloquio nello spogliatoio insieme a Branca, Ausilio e Ranieri.

Quello che si sono detti è top secret ma secondo indiscrezioni che provengono dall’Inghilterra, già nei giorni scorsi la società di Corso Vittorio Emanuele ha avuto un altro colloquio, con un altro allenatore ex Chelsea e Juventus, con un trascorso in maglia giallorossa.

Si tratta di Carlo Ancelotti, il tecnico che attualmente è senza lavoro e che vorrebbe tornare in Italia e rimettersi in discussione. Moratti ha parlato con Ancelotti per sondare le sue intenzioni e l’eventuale disponsibilità a guidare l’Inter-

Quando e se arriverà dipende solo da Ranieri, che adesso non può commettere più errori per non ledere il rapporto con Moratti. Il presidente dell’Inter continua ad attendere conferme su Josè Mourinho sulla volontà di tornare a Milano a giugno, ma intanto teme che la situazione possa precipitare.

Per questo c’è stato il contatto con Ancelotti, sul quale è vivo anche l’interesse della Roma, travolta 3-0 a Firenze e sempre più scettica sulle capacità di Luis Enrique in una squadra italiana.

E’ chiaro che Ancelotti vuole almeno un biennale, Moratti lo tiene in stand by perche è tra qualche settimana aspetta una risposta dallo Special One per un eventuale ritorno all’Inter tra sei mesi. Di certo Ancelotti non accetterebbe di fare il “traghettatore”.  

L’ostacolo in assoluto più forte per un approdo di Ancelotti all’Inter potrebbe essere il malcontento che comincia a serpeggiare con insistenza nella tifoseria nerazzurra, stanca delle recenti delusioni e che non vorrebbe un altro ex milanista sulla panchina dell’Inter. Prima si era parlato di Fabio Capello, poi c’è già stato Leonardo: l’ennesimo uomo storicamente del Milan potrebbe scatenare la contestazione dei supporters interisti.

Il vero problema sembra essere l’incertezza di Moratti che pare essere tornato quello di prima di calciopoli, quando gli altri vincevano e lui collezionava sconfitte e cambi di allenatore. Dopo il triplete con Mourinho sono già saltati tre tecnici: Ranieri si avvia ad essere il quarto, ma soprattutto non si intravede quale sia il progetto.

La speranza è che alla fine ritorni Mourinho ma se cosi non sarà, allora il rischio stavolta è quellio di fare la fine del Titanic.

© Riproduzione Riservata

Commenti