I bianconeri pronti a trattare con il Bayern Monaco l’olandese che piace ad Agnelli. Scambio con Krasic

Arjen Robben

La notizia è di quelle clamorose e giunge dalla Germania. Juve e Baryern Monaco starebbero trattando uno scambio tra Milos Krasic e Arjen Robben. Si mormora che il nazionale orange voglia un cambio immediato di casacca: la sua intenzione è quella di misurarsi con un altro campionato e giocare con nuovi stimoli.

Ed ecco che entra in ballo la Juventus. I bavaresi, a loro volta, sono infatti da tempo grandi estimatori di Milos Krasic e prima che l’ex Cska Mosca prendesse la via di Torino, provarono a strapparlo ai bianconeri, invano. Adesso che Krasic alla Juve non è più titolare ed è stato praticamente fatto fuori da Antonio Conte, ecco che i rumors ritornano.

Le parti vorrebbero, insomma, intavolare una trattativa che preveda subito se possibile o al più tardi a giugno un clamoroso scambio sull’asse Robben-Krasic. Un’operazione tra i due esterni che stanno attraversando un momento difficile – anche se per ragioni diverse – nelle rispettive società.

Il 28enne olandese del Bayern è un fuoriclasse che piace da matti al presidente della Juve, Andrea Agnelli, che lo ha addirittura definito “un altro Zidane”.

Per Robben sì che Agnelli sarebbe disposto a un grande sacrificio economico , pur di vederlo sprintare allo Juventus Stadium. I probabili partenti da Torino, secondo Kicker, in realtà sono due : e con Krasic c’è anche Eljero Elia, il giovane esterno olandese che in Italia il campo non l’ha mai visto. Anche qui siamo prossimi alla cessione.

E’ molto difficile comunque che il Bayern lasci partire (anche a suon di milioni, i bavaresi non ne hanno bisogno) Robben ma se il giocatore fa sapere di volersene andare il discorso diventerebbe diverso e a maggior ragione se la Juve mette sul piatto Krasic.

Serve intanto il placet di Heynckes. Lo stato maggiore bavarese, composto da Rummenigge, Hoeness e Beckenbauer, potrebbe in ogni caso decidere di salutare Robben e ringiovanire la squadra per aprire un nuovo ciclo.

© Riproduzione Riservata

Commenti