L’assessore conferma le sue intenzioni: “prima vorrei ultimare alcuni progetti. La mia critica è complessiva”

Italo Mennella

Le dimissioni dell’assessore Italo Mennella: un’intenzione che per il momento nei fatti è soltanto tale. Ma l’annuncio ha comunque fatto scalpore e scatenato polemiche, innescando persino qualche dubbio sulla fondatezza della notizia.

Il 10 novembre vi abbiamo, dunque, così anticipato la scelta maturata dall’assessore al Turismo: “ho deciso di dimettermi… Voglio prima portare a termine alcuni progetti per la città, che ho già avviato…”.

Poi, il 12 novembre, il sindaco Mauro Passalacqua, a sua volta, aveva affermato: “per interposta persona l’assessore Mennella mi ha fatto sapere di non aver mai detto che intende dimettersi”.

In definitiva l’assessore vuole davvero lasciare o no l’incarico? Ma soprattutto: le dimissioni all’orizzonte da parte di Mennella corrispondono a verità o – come in sostanza ritiene il sindaco – sarebbero una notizia infondata?

La parola all’assessore. E Mennella, spiegando la sua posizione, ha (correttamente) ribadito quanto aveva già dichiarato il 10 novembre: “volontà di dimissioni” e intenzione di “portare prima a termine, se possibile, alcuni progetti”.

E’ l’ennesimo campanello d’allarme per l’Amministrazione Passalacqua: altri scossoni all’interno della coalizione di governo potrebbero presto arrivare e la strada che porta al 2013 comincia a farsi in salita.  

Ascoltiamo l’intervista rilasciata poche ore fa a Blogtaormina da Italo Mennella.  

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=bKMjrK93aOI[/youtube]

DIMISSIONI. “Io – dichiara Mennella – ho manifestato la volontà di dimettermi, e l’ho fatto con la speranza al contempo di poter portare a compimento alcuni progetti già avviati, che hanno molta rilevanza per la città. Sottolineo che il mio interesse è unicamente per la città. Personalmente non sono attaccato né alla sedia né alla poltrona. Nel mio percorso umano e professionale ho già mostrato le mie capacità e la priorità che mi pongo è quella di aiutare la città al superamento della crisi”.

PD. “Voglio confermare la mia solidarietà al Partito Democratico, con il quale il mio gruppo civico ha fatto un percorso condiviso nel 2008, alleandoci allora con un patto di lista. Credo che quel percorso lo si potrà continuare a portare avanti in futuro”.

“LASCIO PER SCELTA PERSONALE”. “La volontà di dimettermi è una scelta personale, una valutazione del tutto mia alla quale penso da tempo. Voglio anche smentire chi sostiene che io voglia lasciare il mio incarico per motivazioni riconducibili all’Asm. Le vicende dell’Asm non c’entrano assolutamente niente”.

“CRITICHE GENERALI”. “La criticità della mia posizione – spiega Mennella – è generale e complessiva, ed è riconducibile ad alcune strane logiche e dinamiche di questa Amministrazione. Non c’è nessun riferimento specifico da parte mia alla Giunta o al Consiglio comunale. Io credo che parecchie cose buone siano state fatte in questi tre anni, come ritengo pure che critiche le abbiamo fatte un po’ tutti. Il mio è un atteggiamento costruttivo e propositivo: a differenza di altri che invece fanno una critica strumentale e speculare”.

“PALACONGRESSI”. “Per quanto mi riguarda io ho a suo tempo predisposto e formalizzato gli atti inerenti una proposta di project financing. Se intanto valutata e non pregiudizialmente boicottata, quella iniziativa avrebbe già risolto tutti i problemi. Adesso mi dicono che c’è un’altra proposta in Comune: hanno forse scoperto l’uovo di Colombo?”.

Mennella ha reso noto che a breve, forse già in questo weekend, avrà comunque un incontro chiarificatore con il sindaco Passalacqua per spiegare la sua posizione.

© Riproduzione Riservata

Commenti