L’ex ministro ha firmato la nomina al Cnr del noto “prof. Parentopoli”: Gennaro Ferrara, rettore della Parthenope

Mariastella Gelmini

«L’ultimo regalo del ministro Mariastella Gelmini». Così scrive il Corriere della Sera sull’atto di addio dell’ex ministro dell’Istruzione, in schiaffo al “merito” tanto difeso durante il suo mandato con la nomina, nel Cnr (Consiglio Nazionale delle Ricerche), di Gennaro Ferrara.

Stiamo parlando di un 74enne “collezionista di potrone di ogni genere ma soprattutto per 23 anni rettore di quella che probabilmente è l’università più nepotista d’Italia”.

Nella napoletana Parthenope, il professore, aveva sistemato, racconta Nino Luca in Parentopoli/Quando l’università è un affare di famiglia, «la seconda moglie, il di lei fratello, una figlia e i mariti delle due figlie».

Ma non è la sola eredità lasciata dalla Gelmini agli italiani. C’è il liceo sportivo, lanciato il 7 novembre in un decreto del ministero che prefigura una variante dello scientifico con tre ore invece che due di educazione fisica, diritto ed economia dello sport al posto di latino, geografia e storia dell’arte.

© Riproduzione Riservata

Commenti