Nella sua autobiografia Zlatan torna ad attaccare il tecnico blaugrana: “non mi guardava, non ha le palle”

Zlatan Ibrahimovic e Pep Guardiola

“Mi metto a nudo”. Zlatan Ibrahimovic si racconta nell’autobiografia in uscita settimana prossima. Nel suo libro l’attaccante svedese del Milan racconta l’anno nero vissuto al Barcellona.

“Guardiola non mi guardava nemmeno. L’ho mandato a quel paese e gli ho detto in faccia che è uno senza palle, che si caga addosso davanti a Mourinho. Messi, Xavi e Iniesta erano come degli studenti a scuola che obbediscono a tutto senza mai protestare. Ero una Ferrari guidata come una Fiat, bollivo dentro e a un certo punto ho anche pensato di smettere”.

“In auto guido sempre come un pazzo, mi è capitato di andare a 325 chilometri all’ora con dietro la polizia. Ho fatto così tante cazzate che non oso pensarci. Ora al Milan mi sento a casa”.

© Riproduzione Riservata

Commenti