Sabato alle 17.30 a Catania presentazione del libro, alla presenza del fratello del magistrato ucciso nel 1992

Paolo Borsellino

L’Associazione Culturale “Dal Cielo alla Terra – Catania” in collaborazione con l’Associazione “CittàInsieme” organizza la conferenza di presentazione del libro “Gli ultimi giorni di Paolo Borsellino”, che si terrà sabato 5 novembre 2011 a Catania, alle ore 17.30 (ingresso libero).

L’evento avrà luogo presso l’Auditorium “De Carlo” della Facoltà di Lettere e Filosofia (Ex Monastero dei Benedettini) e vedrà come principali relatori Giorgio Bongiovanni e Lorenzo Baldo, autori dell’omonimo libro e rispettivamente direttore-fondatore e vice-direttore della rivista AntimafiaDuemila, una delle pochissime testate nazionali che fanno della ricerca della Verità sulle stragi di mafia del ’92 e del ’93 una vera e propria missione.

Tra i relatori sarà presente Salvatore Borsellino, per la prima volta ospite a Catania.

Salvatore, fratello del giudice Paolo che per gli italiani onesti rappresenta un simbolo di Giustizia, rettezza morale e senso dello Stato, da qualche anno a questa parte è tornato alla carica chiedendo a gran voce che le istituzioni facciano luce una volta per tutte sulla strage di Via d’Amelio, definita più volta da lui stesso una “Strage di Stato”.

Lo ha fatto costituendo il Movimento delle Agende Rosse e partecipando a conferenze e manifestazioni in tutta Italia con la grinta e la forza d’animo che lo contraddistinguono.

Anche Graziella Proto e Riccardo Orioles parteciperanno all’evento in qualità di relatori: giornalisti che rappresentano la storia della lotta alla mafia nella città di Catania dai tempi della rivista “I Siciliani”, in cui il giornalista Pippo Fava denunciava i giochi di potere e le collusioni fra mafia, colletti bianchi, politica e massoneria, e che, dopo la sua morte, hanno continuato a diffondere con grande impegno la cultura della legalità attraverso varie iniziative giornalistiche, tra cui il mensile “Casablanca”.

Moderatore dell’incontro sarà Padre Salvatore Resca, presidente dell’associazione CittàInsieme e convinto sostenitore della partecipazione attiva dei cittadini ai grandi temi politici, civili e sociali.

Durante la conferenza verrà dato ampio risalto ai fatti accaduti nei 57 giorni che separano la strage di Capaci e quella di via D’Amelio, ossia gli ultimi giorni di vita del giudice Borsellino.

Inoltre sarà certamente oggetto del dibattito, esteso al pubblico presente, la cosiddetta “area grigia” rappresentata dalle commistioni tra istituzioni deviate e organizzazioni criminali mafiose che culminano nella “trattativa” Stato-Mafia e nel mistero dell’Agenda Rossa.

© Riproduzione Riservata

Commenti