Il n.1 della Ferrari elenca i punti da affrontare subito: primo, costi della politica e la patrimoniale di Stato

Luca Cordero di Montezemolo

Un governo di salute pubblica per affrontare l’emergenza, che rischia di essere giunta al punto di non ritorno, e che è segnalata da rendimenti dei Btp oramai al 6% e dall’ingresso in campo del Fondo Monetario Internazionale.

E’ la richiesta del presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo che, in una lunga lettera a Repubblica sottolinea come esista già una “ampia condivisione” da parte di cittadini e e esponenti politici moderati e riformisti sulle riforme da adottare: 1) taglio dei costi della politica e “patrimoniale sullo Stato” prima di chiedere sacrifici ai cittadini; 2) attuazione della proposta Ichino con abolizione dei contratti a termine e varo di un contratto unico senza scadenze ma con licenziamento possibile per motivi economici e organizzativi, posticipo dell’andata in pensione dei lavoratori a tempo indeterminato per contribuire a finanziare i nuovi ammortizzatori sociali; 3)introduzione di un’imposta permanente sulle grandi fortune e abolizione degli incentivi alle imprese che insieme potrebbero permettere il taglio radicale dell’Irap. Vincolare per legge i proventi della lotta all’evasione alla diminuzione dell’Irpef; 4) intervenire subito sulla riforma dell pensioni abolendo quelle di anzianità e passando a un sistema interamente contributivo; 5) liberalizzazioni e rafforzamento dell’Autorità antitrust.

“L’urgenza della situazione – sottolinea Montezemolo – richiede soluzioni immediate. Non abbiamo tempo di attendere la normale evoluzione del quadro politico. Il presidente del Consiglio deve rendersi conto che l’unica strada per salvare il Paese passa oggi attraverso un governo di salute pubblica…Se Berlusconi continuerà ad anteporre le proprie ambizioni al bene dell’Italia, e se la sua maggioranza lo asseconderà in questa pericolosa scelta, si concluderà nel peggiore dei modi un percorso politico che ha ombre e luci, ma che non merita di affondare nello spirito di “dopo di me il diluvio”.

© Riproduzione Riservata

Commenti