La moglie e la madre in ospedale. Il fantasista del Milan è sereno. Servono ulteriori accertamenti, via la stampa

Antonio Cassano

“Speriamo, speriamo”: trattenendo a stento le lacrime, ha pronunciato solo queste parole la madre di Antonio Cassano, la signora Giovanna, entrando nel reparto di neurologia dov’e’ ricoverato il figlio dopo il malore da cui e’ stato colto sabato sera.

La madre di Cassano è arrivata in taxi al Policlinico di Milano alle 11:10 assieme a Carolina, la moglie dell’attaccante del Milan, che ha provato a coprirsi il volto con un foulard nero di fronte ai numerosi fotografi e operatori televisivi

Massima riservatezza sulle condizioni di Antonio Cassano. A mezzogiorno, tramite l’ufficio stampa, la direzione del Policlinico di Milano ha disposto infatti che operatori con telecamera e fotografi uscissero dai cancelli dell’ospedale ”per garantire la massima discrezione e riservatezza di tutti i pazienti”.

“Qualunque paziente ha diritto alla privacy e questo vale anche per Cassano. Ci sono i medici e ci stanno pensando loro. Ho sentito Cassano cinque minuti fa era di buon umore e mi è sembrato sereno. Non posso fare diagnosi. Paura? E’ stata una cosa inaspettata, che non riguarda il calcio e che si somma alla situazione di Gattuso. Cassano è forte e sicuramente si riprenderà. Tempi? Non so fare il medico e non posso rispondere. Ci sono i medici che stanno lavorando e lasciamoli in pace. La squadra è vicina al compagno”. Queste le parole di Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan ai microfoni di SkySport.

Adesso è il momento della privacy e tutta l’Italia sportiva tifa per Cassano.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=22PZdnRfsHU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti