Marocchino a Lamezia Terme travolse otto persone in bicicletta causandone la morte: ora la condanna “mite”

la strage di Lamezia

Il gup del tribunale di Lamezia Terme, Carlo Fontanazza, ha inflitto otto anni di reclusione a Chafik El Ketani, il marocchino ventunenne che il 5 dicembre del 2010, sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, travolse, a bordo della sua auto, sulla strada statale 18, a Lamezia, un gruppo di ciclisti amatoriali, uccidendo otto persone.

La decisione e del del tribunale di Lamezia Terme, Carlo Fontanazza. Il pm aveva chiesto la condanna a 10 anni per omicidio colposo plurimo pluriaggravato. Nell’incidente morirono Rosario Perri, di 55 anni, Francesco Stranges di 51, Vinicio Puppin di 47, Giovanni Cannizzaro di 58, Pasquale De Luca di 35, Fortunato Bernardi di 58 e Domenico Palazzo di 46.

Alcune settimane dopo, all’ospedale di Cosenza, mori’ l’ottava vittima, Domenico Strangis, di 48 anni. A El Ketani, che oggi non era in aula, sono state riconosciute le attenuanti generiche.

© Riproduzione Riservata

Commenti