A Borghetto Vara ci sarebbero 4 vittime, altre persone ancora disperse a Vernazza. E’ allerta in tutta Italia

il fango travolge tutto in Liguria

Quattro morti e alcuni dispersi, oltre a frane, allagamenti, autostrade e strade chiuse, treni bloccati, nell’ondata di maltempo che ha messo in ginocchio la Liguria.

E’ il bilancio drammatico e ancora provvisorio della nuova ondata di maltempo che si è abbattuta sull’Italia dopo il nubifragio in Lazio e Campania della scorsa settimana, che ha causato due vittime, una a Napoli e una a Roma.

E le previsioni meteo lanciano, per i prossimi giorni, un allerta praticamente in tutta Italia: temporali, frane e allagamenti, piogge forti e intense che dal Nord si sposteranno al Centro e al Sud, tutta l’Italia in piena allerta meteo per una pesante perturbazione autunnale, “particolarmente severa”, che non fa sconti e che ha fatto scattare il monitoraggio di fiumi e corsi d’acqua a rischio esondazioni.

La nuova ondata di maltempo, risparmierà solo qualche regione adriatica, spiega l’ingegnere Paola Pagliara, dirigente del servizio rischio idrogeologigo del Dipartimento della Protezione civile: “L’allerta meteo di ieri interessava tutto il Nord, quindi la Liguria di levante ma anche la Toscana Nord e Emilia appenninica, con l’interessamento anche di Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, con particolare persistenza anche domani; oggi l’avviso di avverse condizioni meteo è stato esteso anche alle Regioni del Centro. Quindi domani le forti piogge interesseranno anche le regioni del Centro, Lazio, Umbria, Campania, poi a scendere anche le regioni meridionali fino alla Sicilia. E’ una perturbazione autunnale particolarmente severa”.

Intanto ad ora Liguria è la regione più colpita dalla nuova ondata di maltempo che sta flagellando il levante: nella zona dello spezzino è emergenza, la pioggia intensa delle ultime 24 ore ha causato frane e allagamenti. Ci sono quattro morti e alcuni dispersi e il bilancio potrebbe salire.

Le zone più colpite sono le Cinqueterre e la val di Vara. Interrotta la circolazione ferroviaria tra Levanto e Corniglia per uno smottamento avvenuto poco prima delle 15 all’altezza della stazione di Vernazza. A Borghetto Vara una scuola è allagata e sono intervenuti i vigili del fuoco per mettere in sicurezza i bambini, rifugiatisi ai piani superiori.

La A12 è stata chiusa al traffico nel tratto compreso tra Sestri Levante e Santo Stefano, bloccata per una frana, diverse auto sono coinvolte, e vigili del fuoco e soccorso alpino al lavoro per liberare un uomo intrappolato nella cabina del suo tir. A Brugnato è crollato un ponte. Diversi affluenti del fiume Vara sono esondati, allagando abitazioni, negozi e scantinati. In criticità tutta la val di Vara, con strade chiuse per frane e smottamenti, case e scantinati allagati a Brugnato e Levanto. Ma anche La Spezia è stata colpita con strade allagate e scantinati, allagato anche il pronto soccorso dell’ospedale.

“In Liguria – spiega l’ingegnere Pagliara – oggi si sono registrati quantitativi di pioggia veramente considerevoli. Da stamattina, in alcune zone localizzate, come a Brugnato, si sono registrati quasi 500 millimetri di pioggia, con una punta dalle tre alle quattro di 140 millimetri”. “Un evento – spiega il funzionario della Protezione civile – concentrato in un’ora molto consistente con una persistenza anche importante”. Non smette infatti di piovere nello spezzino e “il bacino del Vara, dove ci sono state le maggiori piogge, è in grande sofferenza”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OqFaOqrSOkM[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=r5RoAzkzHIA[/youtube]

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=mP06jSpUu9U[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti