I tre partiti annunciano la nascita della coalizione che contenderà all’attuale maggioranza il governo cittadino

Taormina verso le elezioni 2013

I gruppi di opposizione guardano già alla prossime elezioni comunali e annunciano ufficialmente l’avvio dei lavori per un progetto amministrativo condiviso e la messa a punto, intanto, del programma elettorale da proporre alla città di Taormina.

A comporre la coalizione alternativa all’attuale Amministrazione comunale sono Fli, Udc e Forza del Sud. Ai tre partiti potrebbero poi aggiungersi in seguito altre componenti.

“Il coordinatore del Fli, avv. Danilo La Monaca, il coordinatore dell’Udc, dott. Eligio Giardina ed il coordinatore di Forza del Sud, Salvo Cilona – si legge in una nota a firma congiunta – annunciano la nascita di una commissione di lavoro congiunta”.

“La commissione – continua il documento – sarà composta da Salvo Brocato, Andrea Raneri (Fli), Alfio Auteri, Giuseppe Borgese (Udc), Jimmy Quattrocchi e Sebastiano Scarpignato (FdS), ed avrà il compito di procedere alla redazione di un programma politico comune da proporre alla città di Taormina in occasione delle elezioni amministrative del 2013”.

L’opposizione rompe gli indugi e manda un segnale, dando inizio a tutti gli effetti alla lunga corsa verso l’appuntamento elettorale del 2013. Sul calendario manca ancora un anno e mezzo al ritorno alle urne, ma c’è gran fermento in città e di fatto già da tempo si è aperta la contesa.

Fli, Udc e Forza del Sud punteranno, ovviamente, ad avvicinare e far convergere dalla propria parte coloro i quali vorranno intraprendere lo stesso percorso politico e quindi gli “scontenti” che hanno già fatto o trarranno in seguito una valutazione negativa sull’operato dell’Amministrazione in carica sovrintesa dal sindaco Mauro Passalacqua.

Contro la coalizione Fli-Udc-Forza del Sud ci sarà pertanto la maggioranza in carica che al Comune fa riferimento al primo cittadino, con in testa il gruppo Mpa, il gruppo Pdl, e dunque in particolare gli assessori Fabio D’Urso e Nunzio Corvaia.

Ancora incerta la posizione del Partito Democratico che sarà quanto prima chiamato a decidere se restare in Amministrazione e confermare quindi a Taormina l’alleanza del 2008 con il Pdl o, altresì, optare per un percorso diverso.

© Riproduzione Riservata

Commenti