La storica chiesa taorminese torna a celebrare nozze: e pensare che nel 2009 incombeva lo spettro chiusura… 

Taormina, la chiesa di Santa Domenica

Dopo 25 anni nella Chiesa di Santa Domenica si tornerà a celebrare un matrimonio. Accadrà il 27 ottobre, quando convolerà a nozze una giovane coppia di taorminesi. Per la comunità religiosa locale si tratta dunque di un evento, reso possibile dall’Arciprete padre Salvatore Sinitò con il fondamentale apporto del gruppo parrocchiale che si interessa della cura della chiesa.

“Santa Domenica” è tornata alla piena funzionalità: e pensare che due anni fa stava, invece, per essere chiusa. Nel novembre 2009 la storica chiesa ubicata nel cuore di Taormina, sita nella zona conosciuta come “u burgu”, è stata vicina a chiudere i battenti. In quel periodo si era spento padre Eugenio Zoi che diceva messa a “Santa Domenica” e poche settimane dopo fu trasferito a Giampilieri l’allora parroco di Taormina, padre Cesare D’Angiò Cafeo”.

A dicembre arrivò poi don Salvatore Sinitò, che ha puntato subito forte sull’utilizzo ottimale e la piena valorizzazione di tutte le varie chiese di Taormina, tra le quali “Santa Domenica”.

Tanti residenti, di intere generazioni, a suo tempo avevano persino avviato in paese una raccolta di firme da consegnare al Vescovo, per salvare la “loro” chiesa: Padre Sinitò l’ha tenuta aperta, ha eseguito dei lavori di maquillage e dopo aver fatto sì che continuasse il rito liturgico della Santa Messa, ora si è anche attivato per consentire il ritorno dei matrimoni. Il 27 ottobre sarà un giorno speciale per gli sposi ma anche per parecchi anziani e giovani taorminesi che hanno a cuore questa “casa del Signore”.

© Riproduzione Riservata

Commenti