Al presidente copertura solo per il 9% positiva. Meglio vanno le cose per adesso a Rick Perry ed Herman Cain

Barack Obama

Sarah Palin li ha soprannominati “lamestream media”, un gioco di parole che combina il termine “mainstream media” (ovvero media tradizionali) con l’aggettivo “lame” che in questo caso significa, all’incirca, bigotti e dogmatici. La moglie di Rick Perry, Anita, sostiene che il marito sia stato “brutalizzato” sulla questione della sua fede religiosa. In generale, i repubblicani criticano come eccessivamente favorevole ai rivali democratici la copertura della politica nazionale offerta da stampa e Tv. I risultati di una ricerca condotta dal Pew Research Center’s Project for Excellence in Journalism sembrerebbero però contraddirli.

Pare sia stato proprio il presidente Barack Obama a ricevere il trattamento mediatico peggiore negli ultimi cinque mesi e Rick Perry il migliore. La scoperta forse più sorprendente è che solo il 9% delle storie riguardanti il presidente Obama ha avuto toni positivi, mentre per il 34% i media sono stati sostanzialmente critici del suo lavoro. Per Obama, che, invece, aveva potuto contare su una copertura generalmente favorevole durante la campagna elettorale del 2008, si tratta di una tendenza iniziata già dall’arrivo alla Casa Bianca.

[dailymotion]http://www.dailymotion.com/video/xl6o8r_obama-sfida-repubblicani-piu-tasse-per-super-ricchi_news[/dailymotion]

© Riproduzione Riservata

Commenti