Quattro serate a peso d’oro: la Rai non bada a spese e per il nuovo programma impegnerà 12 milioni di euro

Fiorello

Un varietà annunciatissimo e che i telespettatori, ma soprattutto la Rai, stanno aspettando con impazienza: parte il 14 novembre ‘Il più grande spettacolo dopo il week-end’, il nuovo programma in quattro serate di Fiorello, che torna in tv dopo aver ‘girato’ di teatro in teatro.

Inutile negare che, considerando il periodo di crisi (sia economica che di ascolti), la Rai punti molto su questo show e ne avrebbe — a quanto pare — tutte le ragioni: 5 milioni di euro sono già entrate nelle casse dell’azienda da parte degli sponsor e serviranno per produrre il programma.

La Rai non ha comunque badato a spese per il proprio cavallo vincente della stagione: per finanziare il nuovo varietà di Fiorello sono stati infatti spesi 11,9 milioni di euro, una cifra consistente se si pensa che stiamo parlando solo di quattro puntate, ognuna delle quali costata circa 6 miliardi delle vecchie lire.

Di tutto questo investimento, 2 milioni di euro vanno sotto il nome generico di ‘spese esterne’, mentre 5,6 milioni vanno alla ‘Bibi Ballandi’, la casa di produzione, che li usa per pagare lo staff, il cast e gli ospiti. Gran parte di questi soldi servono poi per allestire la scenografia.

Insomma, abbiamo a che fare con una cifra abbastanza importante, soprattutto in relazione alle recenti polemiche mosse dall’Apt, che ha denunciato la mancanza di pagamenti da parte della Rai. Sembra abbastanza chiaro che la Rai stia puntando moltissimo sullo show di Fiorello, ma le cifre sembrano un’offesa al buon senso e alla crisi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=Eo7PmAetC6M[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti