Il capitano giallorosso salta la sfida con la Lazio ma provoca: l’uomo-derby? Reja, il nostro portafortuna”

Francesco Totti

Anche lui, senza riserve, lo ammette in conferenza stampa: niente derby. Francesco Totti si è arreso, ha ammesso le proprie fragilità e ha accantonato il derby contro la Lazio in programma domenica prossima.

Ma non è per questo motivo che rimarrà nei titoli un segno tangibile di questo incontro in sala stampa. Il capitano della Roma minimizza, ma gli strascichi della polemica a distanza con Franco Baldini che arriverà a Trigoria la prossima settimana si avvertono ancora.

“Chi sarà l’uomo derby? Reja, è un portafortuna”, replica il capitano con una battuta che fa riferimento ai precedenti. Tornando serio il numero 10 giallorosso ha invece detto di temere Klose. “Spero che non ci sia – ha detto – non pensavo che fosse così forte”. Il tecnico laziale, arrivato sulla panchina biancoceleste dopo la 24° giornata del campionato 2009/2010, ha sempre perso i derby fin qui disputati. Il 18 aprile 2010 la sua Lazio cade per 1-2 in casa (rete di Rocchi, doppietta di Vucinic), il 7 novembre perde per 0-2 (Borriello e ancora Vucinic), e con lo stesso risultato perde anche il derby di ritorno il 13 marzo 2011 (doppietta di Totti).

“Purtroppo si, salterò il derby. Ho cercato fino alla fine di recuperare ma non ce l’ho fatta. Non so quando tornerò. Spero di riuscirci contro il Palermo”, ha replicato Totti sull’onda del comunicato ufficiale sulle sue condizioni.

“Un progetto nuovo, giovane, importante. Penso che gli americani vogliano fare grandi cose, una grande squadra. Con una città come Roma è doveroso. Siamo a disposizione per aiutarli. Si troveranno in difficoltà all’inizio hanno persone competitive sotto ogni punto di vista”.

Poi la nota polemica, quella che riguarda l’intervista rilasciata da Baldini non gradita dal Pupone per i suoi riferimenti alla sua ‘pigrizia’: “E’ normale che lì per lì sentendo questa intervista c’ero rimasto male. Ognuno è libero di dire ogni cosa. Con Franco ho avuto sempre un bellissimo rapporto non ho mai avuto probeli. Anche quando è andato via. Quando lui arriverà, presto spiegherà quasta pigrizia cosa vuol dire. Già l’ho accantonato per il bene della Roma. E’ un direttore conosciuto tra i piu bravi. E’ nello staff della Roma, speriamo di poter rivincere insieme”.

Una domanda, poi, tocca la situazione contrattuale di De Rossi su cui Totti mostra un flebile ottimismo: “Io ci ho parlato tantissime volte. La sua intenzione è di rimanere a vita qua alla Roma come ho fatto io, però nello specifico non ci sono entrato, perchè poi sono cose sue private. Spero che possa firmare il prima possibile che trovino questo accordo, anche perché questa cosa è andata avanti oltre il dovuto”.

“Voglio giocare fino a 40 anni, perché mi diverto, il calcio mi ha dato tutto e se sto bene voglio proseguire. Ho voglia di giocare, non penso al mio dopo da dirigente. C’era la possibilità di andare al Galaxy, ma non se n’è fatto nulla”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=OgFrCrAw0FM[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti