Probabile sequestro della M/N Montecristo: a bordo 23 persone. Navfor prova a localizzare l’imbarcazione

la nave sequestrata

Una nave italiana, la “M/N Montecristo”, è stata attaccata e probabilmente sequestrata dai pirati al largo delle coste della Somalia. A bordo ci sono 23 persone, sette di loro sono italiani.

Navi e aerei militari della Navfor sono impegnati nella ricerche della M/N Montecristo. “Procederemo a indagini non appena potremo avere mezzi sul posto per tentare di localizzare la nave”, ha indicato il comandante Harrie Harrison.

L’annuncio del probabile sequestro della M/N Montecristo è stato dato dall’armatore, il gruppo D’Alesio di Livorno, che ha perso i contatti con la nave, con ogni probabilità sequestrata: “Il giorno 10 ottobre, alle 6.45 ora italiana, alle coordinate geografiche 12° 34.67N 061° 48.86E, a circa 620 miglia ad Est dalle coste della Somalia, la M/N Montecristo ha lanciato” un allarme sicurezza “per un attacco di pirateria”. Come si legge dal comunicato “la nave è stata attaccata da una barca con cinque persone armate a bordo” L’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri segue da vicino l’evolversi della vicenda. A bordo della M/N Montecristo, ci sono ventitre persone: sette di nazionalità italiana, sei ucraini e dieci indiani.

Almeno altre due navi sono state sequestrate dall’inizio dell’anno dai pirati al largo delle coste della Somalia. Si tratta della petroliera “Savina Caylyn” catturata l’8 febbraio nell’Oceano Indiano con 22 membri dell’equipaggio, tra i quali cinque italiani, e della “Rosario D’Amato”, un cargo trattenuto da aprile nella stessa zona, con 21 membri di equipaggio tra i quali sei italiani.

© Riproduzione Riservata

Commenti