Il centrocampista slovacco del Genoa è già nerazzurro dalla prossima stagione ma Ranieri lo vuole subito

Juraj Kucka

Da quest’estate il nome di Kucka viene accostato al centrocampo nerazzurro. Lo slovacco, impegnato con la sua nazionale, ha espresso il forte desiderio di approdare alla corte di Ranieri: “Può darsi che io passi all’Inter e mi trasferisca a Milano già da gennaio. C’è anche la possibilità che io rimanga a Genova fino al termine della stagione. L’Inter è un traguardo importante per qualsiasi calciatore”.

Non nasconde un evidente fastidio il direttore sportivo del Genoa, Stefano Capozucca: “Ribadisco con piacere quanto detto dal ragazzo: sta bene al Genoa. La società ha fatto uno sforzo per tenerlo prolungandogli il contratto fino al 2014. Con questa maglia ha ritrovato la Nazionale e siamo contenti che ci abbia ringraziati di questo. Aspettiamo che torni dalla nazionale per avere un chiarimento. Ora è pagato dal Genoa e deve pensare soltanto a dare un contributo a questi colori. Se pensa all’Inter sta sbagliando, ma francamente non credo abbia detto quelle cose”.

Intanto, l’italo-brasiliano Thiago Motta scalpita per tornare a disposizione di Ranieri e riconquistare la nazionale italiana. Il suo procuratore Canovi commenta il possibile arrivo di Kucka ad Appiano Gentile: “Thiago si è ripreso bene, rimarrà anche se arriva Kucka […]. Con Gasperini si trovava bene perché lo conosceva […] non penso che con Ranieri ci siano problemi. La sua assenza si è notata […]. La presenza di Kucka non esclude quella di Motta”.

Il presidente Preziosi aveva già bacchettato Carol Csonto, procuratore di Kucka, prima dell’inizio della stagione: “Se continua così, l’Inter la vedrà solo nell’album delle figurine”. L’agente, però, si è nuovamente esposto: “Dipende tutto da Moratti […], se a gennaio decidono di saldare il conto con il Genoa, allora il trasferimento programmato per il prossimo giugno verrebbe anticipato”. Innegabile, tuttavia, che la cessione del centrocampista slovacco frutterebbe un’ottima plusvalenza al numero uno genoano, che riuscì ad assicurarselo per soli tre milioni di euro.

L’unico nodo ancora da sciogliere, dunque, è di carattere economico: il passaggio dei nerazzurri agli ottavi di finale di Champions League garantirebbe a Massimo Moratti la liquidità per poter operare a gennaio, cercando di rivitalizzare un centrocampo fin qui insufficiente.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=y5Q_1TukNsU[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti