Se ne va una delle menti geniali dell’era digitale: inventò piattaforme di programmazione e sistemi operativi

Dennis Ritchie (a destra) con Ken Thompson

Si è spento a New York all’età di 70 anni Dennis Ritchie. Meno conosciuto di Steve Jobs alle masse, ma sicuramente non meno importante nel mondo dell’informatica. Senza di lui forse Steve Jobs non avrebbe inventato i prodotti Apple, ma anche la storia di altri noti pionieri dell’informatica non avrebbe avuto il suo corso. Al genio di Dennis Ritchie, e al contributo di Ken Thompson, si deve lo sviluppo del linguaggio C e UNIX e grazie al suo lavoro oggi esiste Linux, l’Os libero più diffuso al mondo.

Nato a Bronxville, New York, si laureò ad Harvard, e dal 1967 iniziò a lavorare presso i Laboratori Bell, nel loro centro di ricerca informatico; qui sviluppò la prima versione del sistema operativo Unix e scrisse il primo Unix Programmer’s Manual (1971). Insieme a Brian Kernighan e Ken Thompson sviluppò poi il linguaggio di programmazione C. Con Kernighan scrisse il libro Programmare in C (titolo originale: The C Programming Language), oggi reputato un testo fondamentale per i programmatori e noto, nell’ambiente, come “il K&R”.

Nel 1983 lui e Ken Thompson ricevettero il Premio Turing per il contributo dato allo sviluppo della teoria generica dei sistemi operativi e specialmente per l’implementazione del sistema operativo UNIX.

© Riproduzione Riservata

Commenti