Sempre più incombente il rischio default. Palazzo Chigi: “stiamo lavorando”. Pd: “ennesima mazzata al Paese”

Moody's

Moody’s ha tagliato il rating sul debito italiano ad A2 con outlook negativo da Aa2, un downgrade di ben tre tacche, un’entità inusuale per un emettitore di debito delle dimensioni dell’Italia, la terza maggiore economia dell’eurozona.

La notizia è arrivata mezz’ora dopo la chiusura di Wall Street ieri. L’agenzia ha confermato il rating a breve termine a Prime-1, a conclusione della revisione avviata il 17 giugno scorso, osservando comunque che il rischio di default sul debito pubblico da parte italiana “resta remoto”.

La decisione arriva meno di un mese dopo che Moody’s aveva esteso il periodo della revisione, affermando che era necessario più tempo per valutare lo stato dei conti pubblici e la situazione politica in Italia. Il livello A2 è cinque tacche al di sopra della soglia dei “junk bonds”, le obbligazioni spazzatura ad alto rischio e rendimento, ed è equivalente al rating assegnato da Standard & Poor’s che il mese scorso aveva tagliato da A+ ad A la sua valutazione, parimenti con outlook negativo.

Secondo quanto ha reso noto Moody’s, dietro alla decisione di tagliare di tre tacche c’è “in gran parte un aumento sostenuto della suscettibilità del paese agli shock finanziari, a causa di uno spostamento strutturale nel sentiment del mercato sui paesi dell’Eurozona con peso del debito elevato”.

Il downgrade è motivato da tre fattori per Moody’s: l’aumento del rischio relativo al reperimento di fondi, l’aumento del rischio per la crescita economica, e il rischio per la messa in pratica del piano di austerità del governo. L’outlook negativo “riflette i rischi economici e finanziari che continuano in Italia e nell’Eurozona”.

Moody’s spiega a questo proposito che “l’accesso dell’Italia ai mercati del debito pubblico potrebbe venire limitato” per questo motivo: “Se tali rischi dovessero prendere corpo e la disponibilità di fonti esterne di liquidità a lungo termine dovesse restare incerta, il rating potrebbe essere portato a livelli sostanzialmente più bassi”. Pronta la replica del Governo italiano affidata a una nota di Palazzo Chigi: “La scelta di Moody’s – si legge – era attesa. Il governo italiano sta lavorando con il massimo impegno per centrare gli obiettivi di bilancio pubblico. Quegli stessi obiettivi che sono stati oggi accolti positivamente e approvati dalla Commissione europea”.

Del tutto diverso il parere del segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, secondo il quale “Il declassamento è una mazzata. L’Italia è meglio di quel rating, ma se non c’è un cambiamento la sfiducia rischia di tirarci a fondo”. Elencando i tre fattori di rischio a motivo del taglio, Moody’s indica al primo punto “l’aumento materiale dei rischi per il finanziamento a lungo termine per gli emettitori sovrani dell’Eurozona con livelli elevati di debito pubblico, come l’Italia”. Quest’aumento è “provocato dall’erosione sostenuta e non ciclica della fiducia nell’ambiente finanziario degli emettitori sovrani dell’Eurozona, a causa della crisi del debito sovrano”.

Al secondo punto la possibilità che l’economia italiana cresca meno del previsto, espressa da Moody’s come “l’aumento dei rischi al ribasso per la crescita a causa di debolezze macroeconomiche strutturali e un outlook globale in peggioramento”. E al terzo punto ci sono “i rischi per la messa in pratica degli obiettivi del governo di consolidamento fiscale, e il tempo necessario per ottenerli”.

Ci sono infatti “incertezze economiche e politiche” che potrebbero avere effetti negativi sull’obiettivo di “invertire la tendenza avversa notata nel debito pubblico”. Debito che secondo Moody’s raggiungerà il livello del 120 per cento rispetto al pil alla fine del 2011. Tuttavia ci sono “alcuni attributi creditizi positivi” che per l’agenzia di rating sono “la mancanza di disequilibri significativi nell’economia, o di pressioni pesanti sui bilanci del settore privato finanziario e non finanziario, oltre alle azioni intraprese dal governo nel corso dell’estate”.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=e1Hx35iDKls[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti