Prima Berlusconi, poi Fede, Minetti e Mora: il premier chiederà lo stop al processo in attesa della Consulta

Ruby

Domani al palazzo di giustizia di Milano il caso Ruby raddoppia. Nella stessa giornata infatti sono in programma due udienze: quella del processo a Silvio Berlusconi imputato di concussione e prostituzione minorile e quella del procedimento in cui il gup Maria Grazia Domanico dovrà decidere se rinviare o meno a giudizio Emilio Fede, Lele Mora, Nicole Minetti per induzione e favoreggiamento della prostituzione anche minorile.

Silvio Berlusconi, preannunciano i suoi legali, non sarà presente in aula domani. Al processo per il caso Ruby il premier non è mai venuto. L’udienza ha in programma l’illustrazione dei temi di prova e i difensori Niccolò Ghedini e Piero Longo torneranno alla carica con la tesi dell’inutilizzabilità delle intercettazioni perchè sarebbero state violate le prerogative del parlamentare Berlusconi.

E’ molto probabile però che i legali del premier presentino ai giudici della quarta sezione penale la richiesta di sospendere il processo fino a quando la Corte Costituzionale non deciderà, presumibilmente la prossima primavera, sul conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato sollevato dal Parlamento secondo il quale la competenza a indagare e giudicare il caso sarebbe del Tribunale dei ministri.

Berlusconi avrebbe chiamato a maggio del 2010 la questura per evitare una crisi internazionale perchè convinto che Ruby fosse la nipote dell’allora presidente egiziano Hosni Mubarak. Per la procura e per il gip che ha disposto il rinvio a giudizio invece il premier agi abusando della qualità dell’incarico di primo ministro e non delle funzioni.

Nell’udienza a carico di Fede, Minetti e Mora la procura dovrebbe replicare alle arringhe dei difensori soprattutto in materia di competenza. I legali avevano chiesto il trasferimento del fascicolo a Monza, del cui distretto giudiziario fa parte Arcore, o Messina a causa del concorso di bellezza dove Fede avrebbe “reclutato” Ruby. La decisione sul rinvio a giudizio potrebbe arrivare già in giornata o slittare, a causa del protrarsi degli interventi delle difese, all’udienza successiva ancora da fissare.

© Riproduzione Riservata

Commenti