Era considerato tra i possibili eredi di Osama Bin Laden. Nel 2009 ispirò l'”attentato delle mutande”

Anwar al-Awlaki

L’imam radicale Anwar Al Awlaki – vicino ad Al Qaeda nello Yemen e considerato da alcuni il successore di Osama Bin Laden, è stato ucciso. Lo ha annunciato il ministero della Difesa yemenita.

Al Awlaki era uno dei tre uomini più ricercati della Cia. Nato in New Mexico, era diventato una star jihadista sul web per i proclami in un inglese perfetto.

Si reputa che fu lui – proprio grazie Internet e e alle videoconferenze in Rete – ad agganciare e plasmare tra il settembre 2005 e la fine del 2008, Umar Farouk Abdulmutallab, il giovane nigeriano meglio noto come l’«attenatore delle mutande».

Quest’ultimo si rese responsabile nel dicembre 2009 del fallito attenanto a bordo dell’Airbus A330 in volo da Amsterdam a Detroit nascondendosi un ordigno nei suoi indumenti intimi.

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=8fbvmStl3HQ[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti