Turista di Roma investito da un’auto viene refertato “defunto”: eppure aveva solo un trauma al ginocchio

Ospedale di Taormina

Gli ospedali siciliani fanno miracoli. Altro che malasanità. Nel referto rilasciato dall’ospedale di Taormina a un turista di Roma, che era stato investito da un’auto, risulta che il paziente è “giunto cadavere”, per poi essere dimesso con un semplice ‘trauma distorsivo al ginocchio”.

Protagonista di questa singolare avventura un 50enne, Giuseppe Teodoro, che si trovava in vacanza a fine luglio in Sicilia con la propria famiglia. Mentre passeggiava per le stradine di Taormina, l’uomo è stato travolto da un’auto e ricoverato nell’ospedale della cittadina della costa jonica. Dopo quattro ore d’attesa, l’uomo, che è dipendente del ministero della Giustizia, è stato sottoposto a una radiografia, quindi è uscito dal nosocomio con una prognosi di 10 giorni.

Quando è tornato in albergo ha letto la cartella clinica e ha trovato la “sorpresa”. “Ho scoperto di essere stato miracolato – dice Teodoro – Infatti, dal referto, ho appreso di essere ‘giunto cadavere’ e di avere acquisito il dono della resurrezione, per essere riammesso tra i comuni mortali, con la prognosi predetta. Chi l’ha detto,dunque, che in Sicilia governa la malasanità? Negli ospedali resuscitano pure i morti”.

Se la prende a ridere, Giuseppe Teodoro, che ha però subito davvero le conseguenze della disattenzione dei medici siciliani. Non si trattava infatti di una semplice distorsione. “Quando sono tornato a Roma ho scoperto che la rotula si era frantumata – prosegue – bloccandomi l’articolazione. Alla fine sono stato costretto a farmi operare”.

© Riproduzione Riservata

Commenti