La capitale dell’outdoor sex è Napoli: le giovani coppie decidono di scambiarsi effusioni esplicite in pubblico 

sesso sulla panchina

Si moltiplicano gli episodi di sesso per strada all’alba – outdoor sex – specie tra i giovani. La capitola italiana di questa “moda” sembra essere Napoli. L’anno scorso c’erano stati i primi casi come quello di due ragazzi che avevano fatto sesso sugli scogli del lungomare in pieno giorno, documentato anche da un video su Youtube.

Ora, però, la tendenza è diventata una moda di cui si occupa con uno speciale il quotidiano ecologista ‘Terra’ di domani e che genera anche alcune preoccupazioni.

L’associazione ‘No Comment’ ha anche immortalato recenti performances in alcune piazze del centro antico mentre il fenomeno è sbarcato anche sulla Rete. «In questi mesi – dice il commissario regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli – stanno arrivando diverse segnalazioni di cittadini napoletani che riscontrano alle prime ore del mattino rapporti sessuali ‘esibizionisti’ per le strade e le piazze. Non si tratta di barboni o alcolizzati ma soprattutto di giovani che si danno appuntamento tramite siti internet o decidono di stare assieme al termine di una serata spensierata. I luoghi scelti sono le piazze cittadine magari con panchine o quelle dotati di piccoli giardini con erba».

Secondo Borrelli non solo Napoli è teatro delle performances sessuali «ma addirittura il cimitero di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, è un luogo di appuntamenti». Commenta l’esponete dei Verdi: «Al di là del discutibile gusto degli appuntamenti la preoccupazione è anche per l’incolumità di queste persone che molto spesso hanno rapporti con soggetti che non conoscono».

«Esiste una pagina di facebook da titolo “Sesso a Napoli” – spiega lo speaker radiofonico Gianni Simioli che con il suo blog da tempo segue il fenomeno – dedicata interamente a questa “pratica”. Ovviamente ci sono aspetti goliardici e divertenti e questi appuntamenti sessuali sono tipici in tutte le grandi metropoli del mondo ma la mia sensazione è che Napoli stia diventando sempre di più la città italiana più erotica e sessuale. Un luogo ‘magico’ dove sperimentare anche nuove ed estreme esperienze sessuali».

«Abbiamo fotografato – spiega il presidente dell’Associazione culturale No Comment, Antonio Alfano – alcune di queste scene nel centro della città in particolare in Piazza Miraglia, ma abbiamo avuto segnalazioni di episodi simili che sono avvenuti in Piazza San Domenico, Piazza Bellini e anche a Posillipo in Piazza Salvatore di Giacomo. È un fenomeno al quale va posta attenzione perchè, al di là dell’esibizionismo, può diventare estremamente pericoloso. Napoli si presta molto a queste ‘attività’ per la sua conformazione urbanistica».

© Riproduzione Riservata

Commenti